BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Fuori a 18 anni? Con i prof "vecchi" e i Regolamenti Gelmini, ora è possibile

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

 

La provocazione di Tabellini è, in realtà, la stessa contenuta nel ddl n. 4416 del 18-12-1997, primi firmatari Silvio Berlusconi, Giuseppe Pisanu, Valentina Aprea e l’intero Gruppo parlamentare di Forza Italia. Essa ipotizzava 3 anni di scuola dell’infanzia, 4 anni di scuola di primo grado, 4 anni di scuola di secondo grado, 4 anni di scuola di terzo grado, con sottodivisioni in cicli biennali. Non erano niente altro che i 4 blocchi dell’istruzione della maggior parte dei Paesi europei. La proposta fu solennemente ripresentata dal ministro Letizia Moratti agli Stati generali dell’istruzione nel dicembre del 2001. Trovò l’opposizione netta dei sindacati.

 

Oggi il segretario della Cgil-Scuola si dichiara favorevole. È un vecchio gioco: dichiarare possibile ciò che si sa non essere all’ordine del giorno (di questa legislatura) e bollare come impossibile quando arriva per davvero sui tavoli della discussione. Fu Adriano De Maio, all’epoca rettore del Politecnico, a bocciarla “dall’interno” degli Stati generali: il Liceo doveva essere di 5 anni. Letizia Moratti, registrando le resistenze del licealismo conservatore interne al centro-destra e al centro-sinistra, che riteneva intangibili i 13 anni di istruzione, ripiegò sul tentativo estremo di anticipare a 5 anni il ciclo di primo grado e a 2 anni la scuola dell’infanzia. In tal caso, si mantenevano i 5 anni di Liceo e si rispettava il tabù dei 13 anni.

 

Anche questa proposta fu bocciata. Restò sul campo, alla fine, l’ipotesi dei 2 anni e mezzo per l’inizio della scuola dell’infanzia e dei 5 anni e mezzo per quello della scuola di base. E, soprattutto, si sviluppò, come esito del fallimento della proposta, un tentativo, almeno in parte riuscito, di alleggerire l’ultimo anno di Liceo e di renderlo più aperto e più specialistico (si veda, per esempio, l’introduzione del Clil) e perciò più orientato verso le Facoltà universitarie.

 

Clicca >> qui per continuare l’articolo

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >