BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PADOVA/ Durante i compiti in classe, vendevano versioni tradotte scaricate da internet. Facebook li tradisce

Vendevano versioni tradotte o compiti in classe eseguiti a 5 euro. Con un semplice stratagemma, riuscivano ad aggirare i controlli e permettere ai compagni delle classi inferiori di ottenere voti alti senza fatica

studentessa_scriveR375.jpg (Foto)

Vendevano versioni tradotte o compiti in classe eseguiti a 5 euro. Con un semplice stratagemma, riuscivano ad aggirare i controlli e permettere ai compagni delle classi inferiori di ottenere voti alti senza fatica. Ma Facebook li ha traditi.

Al liceo classico Tito Livio di Padova si era creato un “mercato nero” di compiti in classe e versioni di Greco e Latino talmente fruttuoso da essere pubblicizzato, con sfacciataggine e ingenuità, su Facebook. Il mercato funzionava così: uno studente, appena appreso il contenuto del compito in classe, chiedeva di uscire. Fuori dall’aula trovava ad aspettarlo alcuni compagni delle classi superiori che si procuravano su internet, in pochi minuti, il compito eseguito o la versione tradotta per poi passargliela direttamente o tramite cellulare. Il tutto, per soli 5 euro.


Leggi anche: MATURITA’ 2010/ Il motore di ricerca per conoscere i membri della commissione esterna