BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA’/ Gelmini: Con un 5 non si boccia nessuno. Sull’ammissione all’esame di Stato decide il consiglio di classe

Pubblicazione:

gelminiR375_28ago09.jpg

CON UN 5 NON SI BOCCIA NESSUNO - Con un 5 non si boccia nessuno. Anche gli studenti che avranno un 5 in pagella saranno ammessi all’esame di Stato. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini intervenendo a Porta a Porta. Se uno studente ha un 5 ni pagella, sarà il consigkluio di classe a valutarne l’ammissione o meno alla maturità.

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’AMMISIONE ALLA MATURITA’ ANCHE PER GLI STUDENTI CHE HANNO UN 5 IN PAGELLA

 

Leggi anche: SCUOLA/ Cara Gelmini, non è col falso in atto pubblico che si risolve il problema della maturità…, di T. Pedrizzi


Studenti, ma anche genitori e professori, possono tirare un sospiro di sollievo: con un 5 non si boccia nessuno: lo ha detto il ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini nel corso di una puntata di Porta a Porta, precisando il metodo di applicazione della norma che prevede che per essere ammessi alla maturità si abbiano, almeno, tutti sei. «Rispetto alla prassi di questi anni, di ammissione totalitaria questa è una delle norme pensate per restituire rigore e maggiore serietà alla scuola e all’esame» ha spiegato la Gelmini. «Comunque - ha continuato - non mi sfugge che laddove c’è l’insufficienza in una materia, il consiglio di classe debba valutare collegialmente se ammettere o no lo studente». Le nuove norme nascono con lo scopo di «evitare i sei politici e il lassismo degli ultimi anni». Secondo la Gelmini, infatti, «la strada intrapresa di un ritorno ad un maggior rigore è giusta. È chiaro che l’applicazione delle nuove regole deve essere accompagnata dal buon senso e, dunque, con un cinque non si boccia nessuno». In ogni caso, la paura che con un 5 si venisse bocciati avrebbe, finora, prodotto ottimi frutti: l’effetto sarebbe stato quello di «un maggiore impegno per raggiungere almeno la sufficienza».

 

Leggi anche: SCUOLA/ Infanzia e primaria: corso unico, discipline differenziate. Una proposta, di G. Zanniello

 

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’AMMISIONE ALLA MATURITA’ ANCHE PER GLI STUDENTI CHE HANNO UN 5 IN PAGELLA

 



  PAG. SUCC. >