BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Esame di III media, così la prova Invalsi di italiano stimola l’analisi dei punti di vista

Pubblicazione:

scuola_libri-ppianoR375.jpg

 

Tutt’altra cosa, come è giusto che sia, per quanto riguarda il testo espositivo: un argomento di attualità, le conseguenze della deforestazione, un testo molto strutturato, diviso in brevi paragrafi titolati, che facilitano la ricerca di informazioni, un lessico specifico, con termini come “ecosistema”, “habitat”, “humus”, che dovrebbero essere noti a studenti che hanno completato il primo ciclo di istruzione, ma il cui significato è anche inferibile dal contesto. Quindi non occorrono particolari conoscenze enciclopediche per rispondere alle domande su che cos’è un ecosistema o che cosa caratterizza i climi “a marcata stagionalità”: basta leggere con tutta l’attenzione che un testo “scientifico”,sia pure divulgativo, sempre richiede, la medesima attenzione che è necessaria per fondare le competenze di lettura per lo studio, esplicitamente previste dalle Indicazioni nazionali tra i “traguardi” della scuola media.

 

Un altro elemento interessante sta nel fatto che il testo è accompagnato da un’illustrazione esplicativa del processo di desertificazione, a sua volta accompagnata da didascalie. Per rispondere ad alcune domande (ad esempio la B14 e la B15, che qui non riporto per motivi di spazio) è esplicitamente detto che bisogna fare riferimento sia al “corpo” del testo sia all’illustrazione e alle sue didascalie: un processo, questo, di ricavare informazioni da diverse componenti, alcune verbali e altre grafiche,che è costitutivo della competenza di lettura e che viene molto spesso testato anche dalle prove OCSE PISA, proposte ai quindicenni, quindi a studenti appena più grandi dei nostri.

 

Qualche parola infine sui quesiti di grammatica: la maggior parte dei quali riguarda, molto tradizionalmente, l’analisi delle funzioni sintattiche nella frase e nel periodo, nonché alcuni elementi di uso, come quello del pronome relativo e quello del verbo al modo congiuntivo. Ma c’è anche qualche domanda più “di ragionamento”: ad esempio il quesito C6 chiede che cosa capiamo dell’autostoppista dalla frase “Un’autostoppista sorridente mi chiese un passaggio”: si tratta di un uomo? Di una donna? Oppure non abbiamo informazioni sufficienti per dirlo? Lasciamo risolvere ai lettori questo piccolo enigma, che richiede soltanto capacità di lettura attenta e un minimo di conoscenze ortografiche.

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.