BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA’ 2010/ Prima prova: attenzione al tema storico e al tema generale, prima di sceglierli pensateci bene

Pubblicazione:

"Gli esami non finiscono mai..."  "Gli esami non finiscono mai..."

Da quando il vecchio esame di maturità è diventato il nuovo esame di Stato, è cambiata anche la prima prova scritta. Non più il vecchio tema argomentativo, retorico e pesante, ma ben quattro tipologie: A. Analisi del testo, B. Saggio breve o Articolo di giornale, C. Tema storico, D. Tema di carattere generale.

 

Le tipologie hanno i loro sottoinsiemi: l’analisi del testo può prendere in esame un testo poetico, o narrativo, o teatrale; il saggio breve e l’articolo di giornale riguardano quattro ambiti: artistico-letterario, socio-economico, storico-politico e tecnico-scientifico.  

 

Quale scegliere? Quello che piace di più. Si scrive meglio su un argomento gradito. Le risorse, almeno per le prime due tipologie, sono fornite dal testo ministeriale, munito di documentazione, che varia dai sei ai dodici brani, di più se ci sono fotografie. Si tratta solo di usarli in modo intelligente.

 

L’analisi del testo è il biglietto da visita dello studente che ha studiato e come tale è gradito a chi corregge. Checché ne dicano gli studenti, è anche il più semplice: basta seguire la traccia e rispondere a domande che in genere sono univoche. Perciò, coraggio ragazzi. Non aspettatevi di dire cose personali e di potervi esprimere. Questa prova è fatta apposta per dirigere la vostra lettura del testo, nel lodevole intento di renderla oggettiva. Voi sapete bene che il mito dell’oggettività è duro a morire e quindi  siete abituati.

 

Il saggio breve e l’articolo di giornale vi impongono di dare un titolo e una destinazione al vostro tema: non dimenticateli, in caso contrario, sono punti che vanno a farsi friggere. Il titolo del saggio deve essere esplicativo, quello dell’articolo di giornale deve incuriosire. Lo ricordino soprattutto coloro che, numerosi, faranno in futuro i giornalisti. Ma tenete presente che scrivere il saggio breve è più tranquillo, più scolastico nel senso nobile del termine che cimentarsi con un pezzo giornalistico che richiede capacità superiori.

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo su MATURITA’ 2010/ Prima prova

 

 



  PAG. SUCC. >