BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIRETTA/ Maturità 2010 - La classifica del ministero: 1° il tema sulla felicità - Le tracce complete e i temi dei nostri autori - Esami di Stato 2010

Pubblicazione:

scuola_maturit%C3%A0R375.jpg

ORE 11.25 - LA PRIMA PARTE DEL TEMA SUI GIOVANI E LA POLITICA - Uno studente ha inviato un messaggio dal proprio iPhone al sito skuola.net. Di seguito il brano di Aldo Moro contenuto nel tema sui giovani e la politica:

 

 «Il potere si legittima davvero e solo per il continuo contatto con la sua radice ultima e si pone come un limite invalicabile le forze sociali che contano per se stesse. Il crescere dei centri di decisione, il pluralismo che esprime la molteplicità irriducibile delle libere forme di vita comunitaria. I giovani e i lavoratori conducono questo movimento e sono i primi a voler fermamente un mutamento delle strutture politiche ed un rispettoso distacco, i giovani chiedono ordine nuovo, una vita sociale che no soffochi ma offra liberi spazi , un prospettiva politica non conservatrice o meramente stabilizzatrice, , la lievitazione di valori umani. Una tale società non può essere creata senza l’attiva presenza, in un posizione veramente influente, di coloro per i quali il passato è passato e che sono completamente aperti sull’avvenire. La richiesta di innovazione comporta, naturalmente, la richiesta di partecipazione. Essa è rivolta agli altri, ma anche e soprattutto a se stessi: non è solo una rivendicazione, ma anche un dovere e una assunzione di responsabilità. L’immissione della linfa vitale dell’entusiasmo, dell’impregno, del rifiuto dell’esistente, propri dei giovani, nella società, nei partiti, nello Stato, è una necessità vitale, condizione dell’equilibrio e della pace sociale nei termini nuovi ed aperti nei quali in una fase evolutiva così possono essere concepiti».

 

(Aldo Moro, discorso all’XI Congresso Nazionale della Dc, 29 giugno 1969
(da A. Moro, scritti e discorsi , Volume Quinto 1969-1973. a.c. di G. Rossini, Roma, ,1988

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >