BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

MATURITA' 2010/ Traccia B, prima prova (svolgimento): la ricerca della felicità (Esami di Stato 2010)

La ricerca della felicità, una scena del filmLa ricerca della felicità, una scena del film

Il primo dei bisogni che un uomo sente di avere è quello di mettersi alla prova, di misurarsi con la realtà e, più si cresce, più la realtà con la quale si ha a che fare è la realtà economica che è uno spazio che non può e non deve essere occupato dallo Stato, ma deve essere lasciato libero perché i cittadini esercitino la loro creatività. In questo senso la Costituzione italiana è certamente più in sintonia con la visione di uno Stato che non interviene nella produzione della felicità: parla, infatti, di uno Stato che “rimuove gli ostacoli” dei cittadini verso la realizzazione dei propri desideri e il soddisfacimento dei propri bisogni.

 

Quella americana è una Costituzione “interventista”, che, definendo la felicità un “diritto” addirittura sancito dalla Carta fondativa dello Stato, attribuisce ad esso il dovere di produrla. La storia è andata poi diversamente: lo Stato italiano si è trasformato negli anni come il più preoccupato di produrre felicità occupando spazi che non gli competono e quello americano come il più liberale del mondo.

© Riproduzione Riservata.