BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2010/ Traccia B (svolgimento): il piacere e i piaceri, da Botticelli a D’Annunzio, passando per Leopardi

Pubblicazione:

venerrbotticelliR375.jpg

Quanto all’elenco di piaceri indicato da Brecht nella sua breve lirica, esso indica certo alcune delle gioie della vita, ma esse sono piccole e circoscritte e non rispondono alla grande domanda di Leopardi. Forse si avvicina alla risposta l’interrogativo di Ungaretti, che sembra assegnare alla vita umana un lungo travaglio, al pari di quello inerente a ogni creatura. Ma la domanda del poeta-soldato è formulata in tempo di guerra, sul fronte e risente certo di un dolore portato all’estremo, in cui la parola umana ha solo il significato di ricordare una felicità perduta, capace di destare la nostalgia del bene.

 


L’arte figurativa giunge talvolta a rappresentare il piacere in modi compiuti: nella Nascita di Venere di Botticelli, l’artista compone la grazia e la malinconia proprie del Quattrocento in una raffigurazione piena di luce, che ricorda ancora Lucrezio nel celebre inno a Venere, posto all’inizio del suo poema. Più pacata, c’è anche in Botticelli la celebrazione della bellezza della natura e del ciclo della vita; non si può escludere che anche Foscolo abbia cantato la nascita di Venere a Zacinto sull’onda della suggestione di quest’opera. La musica e la danza, tematizzate nelle opere di Picasso e di Matisse, corrispondono a due attività, connesse tra loro, che esprimono gioia e tristezza attraverso la partecipazione degli elementi della natura e del corpo umano: l’armonia che ne nasce congiunge in qualche modo l’uomo al cosmo e forse in questo sta il suo potere di consolazione.

 


L’arte e l’attività razionale, ovvero la domanda del senso, liberano l’uomo dal dolore, non nel senso che glielo evitano, ma in quando lo muovono verso la gioia della conoscenza per cui è fatto. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.