BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2010/ Traccia C, prima prova (svolgimento): Foibe, la memoria negata e il silenzio degli adulti

Pubblicazione:

Foibe2_R375.jpg



Il PCI togliattiano, nonostante forti dissensi all’interno della Federazione comunista di Trieste, contribuì fortemente al silenzio. Perciò nei libri di storia le foibe fanno una comparsa tardiva e per lo più solo quelle “antifasciste”. Il blocco ghiacciato della memoria si è dissolto insieme alla Jugoslavia solo nei primi anni Novanta, nel modo tragico che conosciamo e non senza uno strascico di contraddizioni e di questioni irrisolte.

Colpisce la mie mente giovane (sic!) il contrasto violento e irriducibile tra il cinismo della ”Ragion  di Stato” e le ragioni della memoria, della verità e del cuore. No, non posso accettare che tutto ciò che è reale è razionale e tutto ciò che è razionale è reale. La storia va interamente presa in carico e ripercorsa, ma non le si può permettere di schiacciare le ragioni dell’esistenza.

La presa in carico parte con il Patto di Londra del 26 aprile 1915, con il Trattato di Versailles, siglato il 28 giugno 1919, con il Trattato di Roma, del  27 gennaio 1924, che assegna Fiume all’Italia. Continua con le truppe jugoslave a Trieste ai primi di maggio del 1945. Comincia l’esodo della popolazione italiana, circa il 70%, mentre scompaiono alcune centinaia - ma alcuni sostengono migliaia - di civili italiani. È la pulizia etnica attuata con le foibe, gli assassini, le incarcerazioni del comunismo nazionalista titino.

Il Trattato di Parigi del 10 febbraio 1947 imporrà la cessione di Zara, di Fiume e di gran parte dell'Istria alla Jugoslavia; la costituzione di uno stato cuscinetto, tra Italia e Jugoslavia, definito T.L.T. - Territorio Libero di Trieste, affidato alla tutela dell'ONU, comprendente Trieste e una parte dell'Istria, corrispondente a circa un quarto della penisola.
 Il 5 ottobre 1954 con un “Memorandum d’Intesa” gli Alleati restituiranno all’Italia la Trieste e dintorni, la “Zona A”. La “Zona B” con Capodistria e altre cittadine minori sarà consegnata alla Jugoslavia.


 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >