BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MATURITA' 2010/ Traccia C (svolgimento): il giorno del ricordo per le vittime delle Foibe

Foibe_R375.jpg (Foto)



Per anni questo episodio è stato taciuto o trattato come “fatto controverso”. In realtà la luce della ricerca storica mostra chi fossero i protagonisti di quel decennio.

1)    Il nazi-fascismo, e la sua tirannide, che si estese in Istria e Dalmazia, con eccidi e campi di concentramento, e la deportazione di ebrei.

2)    La resistenza, che vide alcuni operare per la liberazione di quelle terre per un’Italia democratica, e altri in vista del passaggio dal fascismo al comunismo. Ed essendo improbabile la vittoria dei filosovietici nella penisola, intanto si trattava di consegnare il Friuli e il territorio di Gorizia e Trieste a Tito.

3)    La resistenza jugoslava. Combattenti gloriosi. Ma immediatamente consapevoli che in ballo c’era la pulizia etnica della Dalmazia e la conquista delle Regioni orientali dell’Italia con la complicità dei compagni (Togliatti vide con benevolenza questa strategia)

4)    La popolazione italiana. In particolare i sacerdoti. Chiunque non fosse comunista e non manifestasse docilità ai nuovi padroni rischiava l’assassinio. Le foibe erano cavità naturali in cui furono gettati vivi, legati tra loro col filo di ferro, uomini e donne che avrebbero potuto costituire una classe dirigente alternativa a quella comunista. La deportazione degli italiani, il loro trasferimento coatto in Italia dall’Istria fu il naturale seguito di questa selezione razzista.