BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESAMI DI STATO 2010/ Maturità: traduzione di Platone seconda prova. Verifica la tua traduzione dal punto di vista della resa letterale del testo

Pubblicazione:

maturita_ragazzeR375.jpg

 

LA TRADUZIONE LETTERALE DELLA VERSIONE DI GRECO

 

«Io infatti, o Ateniesi, non ho mai esercitato nessun’altra carica politica nella città, ma ho fatto parte della bulè: ed è capitato casualmente che la nostra tribù antiochide avesse la pritania, quando voi decideste di processare i dieci strateghi che non avevano raccolto i superstiti della battaglia navale tutti insieme, illegalmente, come poi a tutti voi è parso chiaro. Allora io solo tra i pritani mi rifiutai di fare alcuna cosa contro le leggi e votai contro, e quando i politici erano pronti ad accusarmi e arrestarmi, e quando voi li spingevate e gridavate, pensai che piuttosto dovessi rischiare stando dalla parte della legge e della giustizia  che stare con voi che decidevate cose non giuste, temendo carcere o morte.

E ciò avveniva quando la città era ancora democratica; ma quando ci fu l’oligarchia, i Trenta a loro volta mandatomi a chiamare alla loro sede come quinto, ordinarono di portar via da Salamina Leonte di Salamina perché fosse condannato a morte; e appunto quelli ordinarono molte cose di questo tipo a molti altri, volendo che fosse pieno di colpe il maggior numero possibile di individui; allora io dimostrai dunque non a parole ma con i fatti, che a me della morte non importa, se non fosse un parlare troppo rozzo, un bel niente, invece del non fare nulla di ingiusto e di empio, m’importa del tutto. A me infatti quella dittatura tanto crudele non colpì così da farmi compiere qualcosa di ingiusto, ma quando uscimmo dalla sede, i quattro andarono a Salamina e portarono via Leonte, io invece me ne andai a casa».

 

(traduzione di Matteo Capitani)

 

CLICCA QUI PER ANDARE AD UN’ALTRA VERSIONE DEL BRANO PROPOSTO DI PLATONE, APOLOGIA DI SOCRATE 32b-32d, CON RELATIVO COMMENTO

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.