BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA’ 2010/ Studenti protagonisti con tracce prive di banalità

Pubblicazione:

Studenti alle prese con la prima prova della maturità (Foto Ansa)  Studenti alle prese con la prima prova della maturità (Foto Ansa)

 

Clicca QUI per andare allo speciale maturità 2010 con le tracce delle prove d'esame svolte dal sussidiario

 

 

Non leggerei, come hanno fatto alcuni commentatori, le tracce della prima prova dell’esame di Stato 2010 in termini di contrapposizione: il tema sulle foibe è stato considerato, ad esempio, il contraltare dell’analisi sul testo di Primo Levi.

 

Cercherei piuttosto di mettermi dal punto di vista dei candidati davanti ai sette fogli delle tracce ministeriali: dopo la prima rapida lettura, si può tirare un respiro di sollievo, in quanto almeno una delle tracce proposte è svolgibile; questo per chi ha l’incubo del foglio bianco è già rassicurante.

 

Le tracce hanno fonti, con qualche eccezione, riconducibili tutte al Novecento. Il secolo breve si conferma il protagonista di quanto è richiesto di studiare durante il quinto anno di scuola superiore. Ed è quello che oggi le scuole fanno. Potrà dispiacere per lo schiacciamento dell’Ottocento o si potrà concordare con tale scelta, resta il fatto che le fonti scolastiche non sono ignote. E anche questo è un elemento rassicurante.

 

È sempre difficile mettersi nei panni di chi si appresta ad affrontare una prova, soprattutto quando la propria maturità è lontana negli anni; ma mi pare onesto ritenere che tutte le tracce non sono impossibili e offrono un minimo spazio al giudizio personale. In particolare ho apprezzato il fatto che l’analisi del testo di Levi, poco conosciuto, avvia all'apprezzabile riscoperta dei propri percorsi di lettura. Se mi fosse capitato di correggere un elaborato con questi contenuti, l’avrei senz’altro premiato.

 

Un’altra tematica pregevole è quella sulla felicità, strappata al possibile sentimentalismo dall’ambito socio-economico in cui è collocata. Le stesse fonti, nell’indicare dati e criteri della condizione dell’uomo contemporaneo, rilevano l’insufficienza del benessere a rendere felici, aprendo la strada a considerazioni più vaste.

 

In questo modo sono già passata a commentare le tracce ministeriali dal punto di vista più generale. Mi pare significativo rilevare un tema trasversale a quasi tutte le tipologie, ovvero quello della formazione dell’uomo, centrale nell’analisi di testo, nel saggio sul piacere, sulla felicità, sui giovani e la politica, nel tema sulla musica. Ciò significa forse il superamento di un modo tecnicistico di leggere i testi? Speriamo. L’insistenza sul significante ha spesso impedito l’accesso al significato.

 

Clicca QUI per andare allo speciale maturità 2010 con le tracce delle prove d'esame svolte dal sussidiario

 

PER CONTINUARE L’ARTICOLO CLICCA >> QUI SOTTO

 

 

 



  PAG. SUCC. >