BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

APPELLO/ Magni (Clds): cara Gelmini, perché noi universitari non possiamo dire la nostra sulla riforma?

Pubblicazione:

Maria Stella Gelmini (Imagoeconomica)  Maria Stella Gelmini (Imagoeconomica)

 

Esattamente, ci troviamo in un momento decisivo per la vita delle nostre università: il progetto di legge di riforma dell’università in discussione in Parlamento è molto ambizioso e tocca aspetti fondamentali della vita universitaria: dall’autonomia alla governance al diritto allo studio, ecc. Come studenti vogliamo poter dare, anche attraverso il nostro organo di rappresentanza istituzionale, un contributo critico e costruttivo ai temi che interessano la vita di tutti gli studenti. Negli ultimi tre anni questo lavoro è stato possibile anche grazie all’azione di un presiedente (del CNSU, ndr) espressione di una realtà come la nostra, libera e non condizionata da appartenenze di partito. Ora però siamo preoccupati…

 

Preoccupati, perché?

 

Ad oltre un mese dalle elezioni il ministro Gelmini non ha ancora convocato i neo-eletti per l’insediamento e l’elezione del presidente del CNSU, primo atto formale dell’organo rinnovato. Ma se si aspetta ancora si rischia di non poter dare alcun contributo valido alla discussione sulla riforma e così di togliere la parola agli studenti che dell’università sono i primi protagonisti.

 

Ma se è così importante il contributo degli studenti come mai questo ritardo? Che intenzioni ha il ministro?

 

Diciamo che può succedere di tutto. Io credo che il ministro difenderà certamente il valore istituzionale del CNSU ed avrà interesse a ricevere il contributo critico degli studenti, senza interferire in alcun modo nell’elezione del presidente. Mi auguro solo che il ritardo della convocazione dei neo eletti non dipenda dal tentativo di qualche esponente di partito di condizionare con intromissioni e sotterfugi l’elezione del presidente, magari assegnandolo alla stessa maggioranza politica del governo.

 

Quali dovrebbero essere secondo lei i requisiti del Presidente degli studenti universitari italiani?

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’intervista

 

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >