BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Maturità: i "campioni" non mancano, ma diteci almeno com’è andata l’anno scorso

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

 

A questo punto è doveroso attendere i dati definitivi, sperando che non finisca come negli altri casi ultimamente è finita.

C’è da dire infatti che nel sito del ministero e precisamente nell’Area Studi e Programmazioni era stata iniziata una lodevole produzione di dati statistici su alcuni aspetti del sistema scolastico, ivi compresi gli esiti della valutazione. Sono stati pubblicati i dati sugli esiti degli scrutini ed esami finali del 2007-08 e gli esiti degli scrutini ed esami intermedi 2007-08 e ci si è spinti fino a quelli del 2008-09. Poi più niente. Quanto alla maturità, sempre nello stesso sito è tuttora in linea una “Indagine sperimentale sugli esiti individuali del 2007-08” e l’anno scorso avevano fatto ben sperare le disposizioni date alle Commissioni di esame di caricare tutti i dati, non più con lo sperimentale sistema Conchiglia, ma con una nuova strumentazione, questa volta finalmente obbligatoria. Poi più niente, anche qui.

 

Una mancanza di dati rigorosi da paese premoderno, in cui di conseguenza le discussioni si fanno sugli apriori ideologici o sulle convenienze politiche. Perché c’è anche chi dubita che i dati non escano, perché non corroborerebbero a pieno le tesi sui risultati salvifici della linea “severista” del ministro sui voti.

Del resto, senza fare il piagnisteo buonista sul “non uno di meno”, non è che i sistemi scolastici diventino più efficaci, se si boccia o non si ammette di più. Da decenni i ricercatori che si occupano di economia dell’istruzione ritengono quello delle bocciature un sistema antiquato ed inefficace, a paragone di sistemi di rinforzo non aleatori e di sistemi di certificazione veritieri.  

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.