BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRITTO ALLO STUDIO/ Regione Lombardia: stanziati 50 milioni in Buoni Servizi. I beneficiari li riceveranno entro fine luglio

 Entro la fine di luglio i beneficiari della Dote Scuola  riceveranno i relativi Buoni Servizi da spendere per l'acquisto di libri e materiale didattico o per il sostegno ai costi di trasporto e mensa scolastica

studenti_studianoR375.jpg (Foto)

Entro la fine di luglio i beneficiari della Dote Scuola  riceveranno i relativi Buoni Servizi da spendere per l'acquisto di libri e materiale didattico o per il sostegno ai costi di trasporto e mensa scolastica

Entro la fine di luglio i beneficiari della Dote Scuola - componente "Sostegno al reddito" - riceveranno i relativi Buoni Servizi da spendere per l'acquisto di libri e materiale didattico o per il sostegno ai costi di trasporto e mensa scolastica. In questi giorni un sms personalizzato di Regione Lombardia sta invitando le famiglie destinatarie a mettersi in contatto con il proprio Comune di residenza per il ritiro dei Buoni. Il contributo regionale è destinato agli studenti meno abbienti iscritti alle scuole statali (dalle elementari alle medie superiori) nell'anno scolastico 2010/2011.


A goderne saranno oltre 223.000 allievi, ben 31 mila in più rispetto all'anno precedente. Questo significativo aumento ha comportato per Regione Lombardia un maggiore sforzo amministrativo ed economico, facendo salire a 45 milioni di euro le risorse messe in campo contro i 38 milioni dello scorso anno. Va ricordato che i Buoni potranno essere spesi fino al 30 settembre 2011, quindi anche durante tutto l'anno scolastico, ma solo presso gli esercizi commerciali convenzionati, che sono, in tutta la Lombardia, oltre 5.000. «La Dote Scuola si conferma un'importante politica di sostegno per le famiglie lombarde» commenta Gianni Rossoni, assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia.

Leggi anche: SCUOLA/ Per imparare un mestiere non basta un progetto, serve libertà,di S. Giorgi 

Leggi anche: SCUOLA/ Cara Gelmini, per avere "qualità e merito" occorre guardare al Regno Unito, di G. Cominelli