BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Giovanni: la mia tesina sull’amicizia, da Cicerone a Sant’Agostino fino a Pavese

Pubblicazione:

Sant'Agostino  Sant'Agostino

Il sussidiario pubblica una selezione di “tesine” presentate da alcuni studenti all’esame di maturità. La tesina, disponibile con link a lato testo, è introdotta da un breve articolo, in forma di lettera al direttore, in cui l'autore spiega il progetto, la storia, le motivazioni del suo lavoro. Gli studenti che volessero inviare la propria tesina possono farlo scrivendo a redazione@ilsussidiario.net

 

Caro direttore,

 

all’inizio dell’anno scolastico sono stato travolto dall’affermazione del mio Preside “nihil nisi per amicitiam cognoscitur”: senza un autentico e appassionato rapporto di amicizia con l’altro non c’è conoscenza, non solo all’inizio, ma in ogni momento dell’esistenza umana.

 

Queste parole si sono incise istantaneamente nella mia mente: esse mi avevano scosso profondamente a secoli di distanza da quando furono pronunciate da S. Agostino per la prima volta; avevo percepito la stretta e affascinante connessione tra l’esperienza di quell’uomo vissuto nel 350 d.C. e la mia vita. Paradossalmente le parole di Agostino descrivevano meglio di me ciò che mi stava più a cuore; l’appassionante esperienza di amicizia che da tanti mesi avevo intuito come vitale e avevo tentato di approfondire nella mia vita personale, veniva riassunta e spalancata a nuovi orizzonti con questa semplice affermazione.

 

Sorpreso e affascinato da questa iniziale intuizione mi sono accorto che le parole di Agostino sono solo un esempio che testimonia l’interesse di tutta la cultura occidentale sul tema dell’amicizia che si è concretizzato in innumerevoli studi e riflessioni. Scrittori, poeti, artisti fin dall’antichità hanno percepito l’importanza rivoluzionaria dell’amicizia e hanno cercato di esemplificare e descrivere i tratti principali di questo tema e, ancor più, di questa situazione esistenziale con il proprio genio, la propria creatività e la propria storia.

 

Il concetto di amicizia e la consapevolezza del suo valore esistenziale si evolve nel corso dei secoli, per lo stretto legame tra la realtà storica, politica e sociale e il pensiero dell’amicizia.

 

Dopo aver posto una premessa sui due teorizzatori del concetto di amicizia: Aristotele e Cicerone, ho analizzato alcuni autori esemplificativi di epoche diverse nel contesto culturale dove vivevano.

 

PER L’ARTICOLO CLICCA  >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >