BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA: PERICOLO AMIANTO/ Istituti a rischio, 400mila alunni esposti alla possibilità di tumori

Pubblicazione:

amianto-scuola-r375.jpg



PIU’ DIFFUSO NEL NORD ITALIA -
Negli anni ’60 e ‘70 per l’incremento demografico galoppante bisognava costruire tante nuove scuole e soprattutto costruirle in fretta. Così, senza troppi scrupoli, si è fatto massiccio ricorso all’amianto. Solo a partire dagli anni ‘80 Comuni e Province, nonostante l’assenza di divieti e di controlli, hanno iniziato a realizzare nuove scuole rispettando la salute di chi ci doveva entrare, e cioè senza amianto. Ma sono soltanto il 23 per cento del totale quelle costruite dal 1980 in poi. Ma il paradosso che emerge dagli ultimi rapporti ufficiali è che il rischio amianto è maggiore nelle regioni più ricche del Paese, e inferiore nelle altre. E’ al Nord infatti che si tocca il picco più alto, il 10 per cento degli edifici. Al Centro meno dell’uno per cento, al Sud pure, mentre nelle Isole la percentuale di scuole a rischio amianto supera di poco il 3 per cento.


IL «GIALLO» DEI FONDI DEL GOVERNO -
E se il rapporto segreto è diventato presto di pubblico dominio, almeno per quanto riguarda i suoi contenuti principali, negli ultimi mesi l’«affaire amianto» ha registrato un vero e proprio giallo. Quelli cioè dei 350 milioni di euro destinati alla bonifica delle scuole, fatti scomparire e riapparire dal governo come un coniglio nel cappello del prestigiatore. Il 29 aprile scorso il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, ha annunciato infatti la sua «massima soddisfazione per l’intesa politica raggiunta dopo l’incontro al ministero degli Affari regionali con il ministro Fitto e il sottosegretario alle Infrastrutture Mantovani per lo sblocco di 350 milioni di euro a favore del piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici».

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’AMIANTO NELLE SCUOLE
 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >