BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA: PERICOLO AMIANTO/ Istituti a rischio, 400mila alunni esposti alla possibilità di tumori

Pubblicazione:

amianto-scuola-r375.jpg



12MILA TUMORI PER L’AMIANTO -
Ma c’è un altro dato che fornisce il polso della situazione per quanto riguarda i rischi cui vanno incontro gli alunni che studiano in scuole al cui interno si trova l’amianto. E’ il dato offerto dal Renam, il Registro Nazionale dei Mesoteliomi, cioè dei tumori della pleura causati proprio dall’amianto. Il Renam dice che tra il 1993 e il 2004 sono stati registrati in Italia oltre novemila casi di questi tumori «con un’esposizione che in circa il 70% dei casi è stata professionale». «Professionale» vuol dire che si tratta di operai, gente che ha trascorso la propria vita nei tanti stabilimenti industriali realizzati con l’amianto, «70%» significa che ci sono altri tremila casi non catalogati. E che fra questi tremila tumori potrebbero esserci tanti, tantissimi bambini italiani.

UNA LATENZA DI 40 ANNI - Una tragedia senza fine, che non ha diritto neppure a cifre certe, anche perché il mesotelioma può avere una «latenza» di 30-40 anni, può manifestarsi, cioè, in un ex alunno ormai adulto, ormai andato a vivere chissà dove e che quindi sfugge a ogni pur volenterosa opera di monitoraggio. E la pericolosità dell’Eternit è dovuta al fatto che l’amianto, pur essendo un minerale, si disperde molto facilmente nell’aria, soprattutto quando è usurato dal tempo e dagli agenti atmosferici. Una fibra di amianto è infatti 1300 volte più sottile di un capello umano ed è leggerissima. Basta quindi che si stacchi dal pannello di cui fa parte perché sia inalata finendo nei polmoni delle persone.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’AMIANTO NELLE SCUOLE



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >