BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MARIASTELLA GELMINI/ Per la scuola avremo un miliardo all’anno da investire nella qualità

Pubblicazione:

gelminipensaR375_21dic09.jpg

UN MILIARDO ALL’ANNO PER LA SCUOLA - Il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, intervenendo a “La telefonata” di Maurizio Belpietro, ha dichiarato che la scuola avrà un miliardo di euro di risorse all’anno.

 

Intervenendo a “La telefonata” di Maurizio Belpietro, il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini ha annunciato che saranno a disposizione per la scuola ingenti somme di denari ogni anno: «dal 2011 la scuola avrà a disposizione un miliardo di euro ogni anno da investire nella qualità», ha dichiarato la Gelmini.«Il che significa - ha continuato - investimenti per l'edilizia scolastica, laboratori, formazione degli insegnanti, computer». Il ministro, sottolineando come il governo abbia ridistribuito le risorse, utilizzate al 97 per cento per gli stipendi, ha dichiarato: «abbiamo con le finanziare, con i famigerati tagli, cominciato a riequilibrare la situazione e quindi a ridurre la pianta organica per liberare risorse per la qualità».

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO 



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
17/09/2010 - I carri armati di Mussolini (Franco Labella)

Fa sempre piacere leggere le notizie come queste. Se uno si accontenta e ci crede poi gode pure. Peccato, però, che notizie come questa fanno venire in mente le premialità promesse dal Ministro Brunetta agli efficienti dipendenti pubblici. C'è stato quel piccolissimo incidente estivo degli scatti di anzianità bloccati anche agli insegnanti ma era solo perchè non c'era stata ancora la svolta meritocratica. Insomma basta aspettare e sperare. In fondo le favole guasti non ne provocano... poi si cresce e se ne capisce il senso. Insomma è come il "più matematica e inglese" del riordino delle superiori, solo che poi se uno confronta le vecchie e vituperate sperimentazioni Brocca scopre che la verità è un'altra. Ma chi volete che si pigli tutta sta briga... la televisione canta e conta. Il resto sono pallidi ricordi come quelli evocati dal titolo. E mi fermo qui, così non divago...