BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Ribolzi: investire in istruzione può ridurre la crescita...

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Alison Wolf, un’economista della London School of Economics, in un suo libro del 2002 dal provocatorio titolo “L’educazione conta? Mitologia del rapporto fra educazione e crescita economica” definisce le tre priorità dell’allora primo ministro Tony Blair “education, education, education” come una sorta di mantra evocato dai politici per evitare di prendere misure più sostanziali e forse più impopolari. Scrive la Wolf: “un governo che sia veramente interessato alla crescita economica deve essere molto attento e selettivo nello spendere  per l’istruzione. Deve prevedere le dimensioni e la tipologia della domanda, deve capire che cosa deve pagare lo Stato e che cosa no, e deve garantire la qualità dell’istruzione. Il modo in cui funziona oggi il sistema formativo sembra ridurre la crescita piuttosto che incoraggiarla”.

Non è il “quanto” (o meglio, non è solo il quanto: è chiaro che i tagli indiscriminati non giovano alla qualità) ma il “come” che innesca pratiche virtuose di cui i giovani possono fruire, ed è soprattutto un collegamento fra politiche per l’istruzione e politiche per il lavoro e in generale politiche di welfare. Ma, direbbe Baglioni, “questa è un’altra storia di chi aspetta sulla riva”….

© Riproduzione Riservata.