BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ 5 mosse per risolvere il rebus di "accorpamenti" e istituti comprensivi

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

In Friuli ci sono 36 scuole sotto i 500 alunni. In provincia di Pordenone le 11 scuole sottodimensionate sono in 11 diversi comuni: nessuna anomalia. In quella di Udine le scuole “piccole” sono 28, in 18 diversi comuni (4 a Cividale: magari di ordine e grado differente, difficili da far coesistere). In provincia di Gorizia le 9 scuole piccole sono in 4 comuni: che 6 siano nel comune di Gorizia può essere plausibile. In provincia di Trieste le piccole scuole sono 20, dislocate in 3 comuni; 15 sono a Trieste, e forse c’è qualcosa da rivedere.

Il Lazio ha 187 scuole sottodimensionate; 69 sono in provincia di Roma, di cui 41 nel comune di Roma. Anche qui il dato è squilibrato (a meno di contare circa 6 scuole per ognuno dei 7 Colli, con risultato simile a Gorizia, e i conti potrebbero forse tornare...).

In Campania le scuole piccole sono 385. Osservando la loro distribuzione, si può desumere che qualche intervento più incisivo si poteva fare a Salerno città (12 scuole piccole sulle 91 dell’intera provincia), o a Benevento (11 scuole piccole sulle 46 della provincia). Ma a Napoli città spiccano ben 42 piccole scuole: qui non va bene...

In Calabria (328 “piccole”), che dire delle 21 di Reggio Calabria su 46 dell’intera provincia? o delle 19 di Cosenza città su 137 provinciali, e forse anche delle 12 su 86 di Catanzaro città/provincia?

In Basilicata (96 “piccole”) non c’è paragone tra le 11 nel comune di Potenza (su 79 in provincia) e le 2 di Matera su 17 in provincia.

In tutta la Liguria, delle 46 scuole sottodimensionate, 12 sono nel comune di Genova.

In Piemonte, su 111 piccole scuole, 15 sono nel comune di Torino (che in Provincia ne ha 39) e ben 10 in quello di Novara (che nella sua provincia ne ha in tutto 12).

E così le 22 di Bari su 78 nella sua provincia (221 in tutta la Puglia); le 16 di Cagliari e di Sassari sul totale provinciale, rispettivamente, di 78 e 64 (233 in Sardegna).

Ma ce n’è per tutti: in Sicilia, con 262 piccole, “non convincono” le città di Catania (23 piccole su 52 provinciali), Messina (17 su 52), Palermo (23 su 49); ed in Lombardia spicca Milano, con 14 su 19 (107 in tutta la Regione). Forse il sistema fa acqua... e così a Venezia ci sono 11 piccole scuole sul totale provinciale di 26 (107 nel virtuoso Veneto, tra le Regioni meno sottodimensionate).

A occhio, comunque, stando alle “vecchie regole” ci potevano essere almeno cento scuole autonome in meno, pur senza “rovinare” le scuole.