BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SEMINARIO/ "Uomini Liberi. Giusti e protagonisti del dissenso", all'Università di Bologna

Pubblicazione:

Il Seminario all'Università di Bologna  Il Seminario all'Università di Bologna

Il 22 febbraio 2011 presso l’Aula Prodi (Dipartimento di Discipline Storiche, Antropologiche e Geografiche dell’Università di Bologna) si svolgerà un Seminario di studio di grande rilevanza per l’approfondimento di tematiche relative alla storia e alla memoria europea, che vedrà la partecipazione di esponenti di istituzioni culturali provenienti dalla Russia, dalla Polonia e dalla Romania, protagonisti del dissenso negli anni del totalitarismo e che ora sono attivamente impegnati nello studio della storia recente del loro paese.

Il Seminario si rivolge a: insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, operatori culturali del settore della memoria,  studenti dell’ultimo anno degli Istituti d’Istruzione Superiore che aspirano all’eccellenza, studenti universitari interessati.

L’incontro di Bologna (Uomini Liberi. Giusti e protagonisti del dissenso - 22 febbraio 2011) rappresenta un momento molto importante nella costruzione di una memoria storica comune tra i paesi d’Europa. Se è vero che una delle caratteristiche originali dell’uomo europeo è data dall’essere giusto, cioè dal comportamento semplice di chi, mettendo a rischio la sua vita, ha cercato di  opporsi alla barbarie del regime nazifascista, semplicemente aiutando – in forza di una solidarietà vissuta - chi da questo regime era considerato nemico, è altrettanto vero che l’essere giusto si è storicamente espresso nel comportamento di chi, all’interno del regime sovietico e dei paesi satelliti, ha combattuto in tanti modi, sacrificando spesso la sua vita, il totalitarismo comunista, realizzando quella rivoluzione non-violenta, che ha permesso all’Europa stessa la possibilità di un’unità politica fondata sullo Stato di diritto e sulla democrazia.

A più di vent’anni dalla caduta del Muro di Berlino appare sempre più necessaria la costruzione in Europa di una tale memoria condivisa.



  PAG. SUCC. >