BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2011/ Esami di Stato, ambito scientifico tecnologico, tema di Enrico Fermi

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

MATURITA' 2011 TEMA ENRICO FERMI - Per la tipologia B, saggio breve, tra i temi proposti c'è quello di ambito scientifico - tecnologico. Fino a poco fa non era stato possibile capire quale fosse l'andamento richiesto per via di scarse informazioni di cui alcune inesatte provenienti ai vari siti studenteschi. Siamo in grado di specificare adesso il titolo e le richieste esatte del tema di ambito scientifico-tecnologico. Il titolo è: “Le energie che cambiano il mondo” . Lo svolgimento deve essere basato sul testo "Ritorno a Chicago: Enrico Fermi e la nascita della fisica delle alte energie nel secondo dopoguerra (1946-1954)" tratto da "Giulio Maltese - Tratto dalla relazione su invito presentata al XXI Congresso Nazionale di Storia della Fisica e dell’Astronomia". Tra i materiali presenti: una lettera a Edoardo Amaldi inviata nel 1945 in cui spiega perché è andato fuori dall’Italia. Nel dettaglio, il passaggio del testo di Maltese riprende il discorso tenuto da Enrico Fermi presso lo Union College nel Commencement Day dell’anno 1947. Ecco il passaggio principale tratto da libro di Maltese: "Così si esprimeva in un discorso del 1947: “Vorrei discutere con voi la crisi che la scienza attraversa da due anni a questa parte. In larga misura questa crisi è dovuta all’improvvisa consapevolezza, di parte dell’opinione pubblica e del Governo, del tremendo ruolo che la Scienza può avere nelle cose umane. L’importanza di questo ruolo era già nota. Ma il drammatico impatto portato dalla costruzione della bomba atomica lo ha portato nella pubblica consapevolezza in maniera così vivida che gli scienziati si sono trovati, inaspettatamente e talora contro la propria volontà, ad essere sotto i riflettori [...] C’è una grande penuria di uomini di scienza ben preparati [...] Ora le iscrizioni di studenti nei dipartimenti scientifici sono tornate a essere abbondanti. Spero che ben pochi di questi studenti siano attratti dal nuovo fascino che la scienza ha acquistato. La professione del ricercatore deve tornare alla sua tradizione di ricerca per l’amore di scoprire nuove verità. Poiché in tutte le direzioni siamo circondati dall’ignoto e la vocazione dell’uomo di scienza è di spostare in avanti le frontiere della nostra conoscenza in tutte le direzioni, non solo in quelle che promettono più immediati compensi o applausi.”





  PAG. SUCC. >