BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2011/ Esami di Stato, tipologia B, il tema di ambito socio economico

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

MATURITA' 2011 TEMA DI AMBITO SOCIO ECONOMICO - Siamo quello che mangiamo? E' quanto viene chiesto nel tema di ambito socio-economico appartenente alla tipologia B. Un analisi delle varie tipologie legate algli stili di vita moderni e all'alimentazione. Un'ampia documentazione è stata fornita al candidato in modo da permettergli di sviluppare il testo. Ecco quanto allegato al tema di ambito socio-economico di tipologia B.

TIPOLOGIA B - Ambito socio – economico: Siamo quello che mangiamo? DOCUMENTI, ”Le evidenze scientifiche pubblicate nell’ultimo anno non lasciano dubbi – dice Massimo Volpe, presidente della Siprec (Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare) – la vita sedentaria è un rischio per il cuore. Se a questo si aggiunge che spesso si mangia male, il quadro generale peggiora. Commettiamo troppi peccati di gola, trascuriamo la dieta mediterranea e gli alimenti cardine di una sana alimentazione. Pochissimi sanno davvero giudicare la salubrità di un alimento, molti si nutrono in modo disorganizzato”. Il 95 per cento, continua l’esperto, dichiara che il pranzo è il pasto più importante, ma poi l’80 per cento sceglie una pasta molto condita accompagnata dal pane. Un italiano su due mangia carne magra, ora c’è un buon 20 per cento che sceglie carni grasse più volte alla settimana: Il 45 per cento consuma formaggi come minimo tre volte a settimana. Uno su tre, poi, mangia pesce appena una volta alla settmiana mentre andrebbe consumato almeno due, tre volte. “Dobbiamo modificare le nostre abitudini – dice il cardiologo – e renderci conto che la salu8te del cuore si construisce mattone dopo mattone, proprio come una casa. Sia il mwedico che il paziente possono imparare a fare prevenzione”. Adele SARNO, Otto ore seduti? Il cuore rischia doppio, Arriva l’auto-test per la prevenzione, “la Repubblica” – 1 aprile 2003




  PAG. SUCC. >