BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESAMI DI STATO 2011/ Maturità, seconda prova, tema di pedagogia, il testo ufficiale del Ministero

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

ESAMI DI STATO 2011 TEMA DI PEDAGOGIA - Secondo giorno degli esami di Stato, maturità 2011. Il ministero della pubblica istruzione sta finalmente pubblicando le tracce ufficiali per ogni indirizzo pedagogico. In questa news, il testo ufficiale del ministero relativo all'indirizzo socio-psico-pedagogico, il tema cioè di pedagogia. Tre sono i temi che sono stati proposti ai candidati, liberi di scegliere. Nel primo si chiede agli studenti di analizzare un testo di U. Galimberti tratto dal suo "Dizionario di psicologia". Il secondo tema invece prevedeva un testo di G. Bollea, tratto dal suo libro "Genitori grandi maestri di felicità". infine il terzo tema, da un testo a firma C: Pontecorvo, H: Girardet, C: Zucchemaglio, dal libro "La condivisione della conoscenza". Eccoli a seguire tutti e tre:

I
«L’espressione “visione del mondo” si riferisce, in generale, all’universo che ogni popolo, ogni cultura, ogni epoca e ogni individuo si costituiscono conferendo al mondo un determinato senso e un determinato valore. Tale visione non è mai definita e conclusa, ma sempre dinamica e aperta, perché dipende dall’attribuzione di senso (Sinngebung) che l’uomo di volta in volta dà al mondo. In questa attribuzione consistono la libertà dell’uomo e le radici ultime del suo modo di essere strettamente dipendente dalla visione che egli ha del mondo. Questa concezione, già presente nella cultura tedesca di fine Ottocento, è stata filosoficamente tematizzata da Dilthey, che col termine Weltanschauung ha indicato la generalizzazione dei dati culturali, artistici e filosofici che incarnano lo spirito di un’epoca, e da Jaspers, che nella visione del mondo ha distinto il versante soggettivo costituito dagli atteggiamenti e il versante oggettivo rappresentato dalle immagini con la precisazione che “atteggiamenti e immagini del mondo sono astrazioni, che separano ciò che in pratica coesiste”.»

U. GALIMBERTI, Dizionario di Psicologia, Milano, 1999

Il candidato esponga le sue riflessioni sull’argomento del brano sopra riportato e si soffermi, in particolare, sulle seguenti questioni:
-    che cosa si intende per visione del mondo?
-    c’è nell’educando l’esigenza di costruirsi una visione del mondo? e, in caso affermativo, da che cosa nasce tale esigenza?
- quale rapporto intercorre fra processo educativo e costruzione di una visione del mondo da parte dell’educando?
-    quale ruolo deve svolgere l’educatore in riferimento a tale processo di costruzione?




  PAG. SUCC. >