BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESAMI DI STATO 2011/ Maturità, seconda prova, traccia latino, la traduzione: Seneca Epistulae morales ad Lucilium

Sarebbe Seneca la traccia di latino per gli istituti classici, la versioen da tradurre, un brano de Epistulae morales ad Lucilium. In attesa di verifica ufficiale

Foto Ansa Foto Ansa

ESAMI DI STATO 2011 TRACCIA LATINO LA TRADUZIONE - Una indiscrezione arrivata all'apertura delle buste per la traccia di latino, sembra trovare conferma. La versione di latino da tradurre per gli studenti dell'istituto classico, sarebbe un brano tratto dalle Epistulae morales ad Lucilium (Lettere morali a Lucilio). Quello che comincia con la frase "Quicumque beatus esse constituet, unum esse bonum putet quod honestum est; nam si ullum aliud existimat, primum male de providentia iudicat". Cioè "Il vero bene fa la virtù". Di seguito postiamo il testo di quello che in attesa di annuncio ufficiale sembra essere il testo della versione da tradurre e una sua traduzione, segnalando che non si tratta di una traduzione fatta da un esperto o da un professore di latino, ma di una semplice traduzione indicativa postata dagli studenti sui loro siti. Attenzione dunque a non usarla come traduzione ufficiale per confrontare le traduzioni fatte in classe. Attendete verifiche ufficiali.

Quicumque beatus esse constituet, unum esse bonum putet quod honestum est; nam si ullum aliud existimat, primum male de providentia iudicat, quia multa incommoda iustis viris accidunt, et quia quidquid nobis dedit breve est et exiguum si compares mundi totius aevo. Ex hac deploratione nascitur ut ingrati divinorum interpretes simus: querimur quod non semper, quod et pauca nobis et incerta et abitura contingant. Inde est quod nec vivere nec mori volumus: vitae nos odium tenet, timor mortis. Natat omne consilium nec implere nos ulla felicitas potest. Causa autem est quod non pervenimus ad illud bonum immensum et insuperabile ubi necesse est resistat voluntas nostra quia ultra summum non est locus. Quaeris quare virtus nullo egeat? Praesentibus gaudet, non concupiscit absentia; nihil non illi magnum est quod satis. Ab hoc discede iudicio: non pietas constabit, non fides, multa enim utramque praestare cupienti patienda sunt ex iis quae mala vocantur, multa impendenda ex iis quibus indulgemus tamquam bonis. Perit fortitudo, quae periculum facere debet sui; perit magnanimitas, quae non potest eminere nisi omnia velut minuta contempsit quae pro maximis vulgus optat; perit gratia et relatio gratiae si timemus laborem, si quicquam pretiosius fide novimus, si non optima spectamus.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE LA TRADUZIONE NON UFFICIALE DELLA TRACCIA DI LATINO