BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA’ 2011/ Vademecum per il colloquio in un istituto tecnico (e non solo)

Pubblicazione:

Ultimo ripasso (Ansa)  Ultimo ripasso (Ansa)

Caro maturando,

 

ci siamo. Pochi giorni dopo gli scritti, sei a quel tavolo per l’orale. Sei alla fine del tuo percorso in un Istituto tecnico, una vera specialità del nostro sistema di istruzione.

Ti parlo al maschile, perché probabilmente sei Andrea o Mattia, ma in effetti potresti essere Sara, o magari Luyang. Sono tante le ragazze che, alla faccia degli snobismi, scelgono l’istruzione tecnica: fra loro molte immigrate, che spesso sono tra le migliori nonostante l’ostacolo della lingua.

La tesina l’hai finita. All’ultimo momento, non negare; ma ce l’hai fatta.

O forse sei uno di quelli che, piuttosto che un mattone di 70 pagine, daranno alla commissione solo un foglio con una traccia degli argomenti che vogliono esporre.

Si può fare, niente in contrario. Ma tremo già al pensiero: ne ho visti troppi, di “percorsi” fatti a casaccio con un patetico filo conduttore. “Il mio tema è la madre. Per Italiano dico la madre di Quasimodo, per Materiali la madreperla, per Storia la madrepatria...” e poi partono con una pagina di inglese detta a memoria (e pure male).

Sai che ogni commissione è diversa dall’altra, ce n’è di eccellenti e di penose. Potresti trovarne una dove tutti conoscono e rispettano le regole, o una che tira a campare fingendosi severa. Spero che il tuo istinto di giovane “animale” ti faccia capire che, se il prof X è arrogante quanto incompetente, è meglio assecondarlo: con certa gente è inutile sprecare il proprio orgoglio.

Ma sono sicuro che la tua commissione è seria e dignitosa. Tieni presente che, se hai una tesina su un progetto di ricerca relativo al tuo indirizzo di studio, magari basato sui tuoi stage in azienda, forse non più di due fra i sette professionisti laureati che hai di fronte hanno qualche competenza specifica.

Gli altri potrebbero non sapere nemmeno di cosa parli. Devi conquistare soprattutto loro: fargli venire la voglia di trasferirsi in una scuola dove si fanno cose così interessanti!



  PAG. SUCC. >