BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Un prof: ho capito dai miei allievi cos'è la scuola...

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Può capitare che un allievo capisca di più cosa vuole fare e decida di cambiare percorso: “Cara Emilia, mi chiamo Simone, sono della 2a B elettrico e ho 16 anni. Quest’anno è andato bene. Quest’anno sono riuscito a trovare la mia perla! A inizio anno ho avuto l’occasione di vedere se l’elettricista era la mia strada e infatti non lo era, così ho provato a fare il magazziniere, ma anche quella non era la mia strada. Così ho scelto di seguire la mia passione, ossia stare a contatto con gli animali e mi sono trovato bene. [...] Chissà, magari da grande potrò specializzarmi in addestratore”. Può succedere anche che si apra qualcosa che era chiuso da tempo o che forse non si era mai aperto: “Sono sempre stata una ragazza di quelle che odia proprio lo studio ma questa scuola è riuscita a farmi aprire la voglia di studiare, di conoscere e imparare la storia della passione che ho dentro, di ciò che ho scelto come il lavoro del mio gran futuro”, dice Yuney, allieva di Prima Aiuto Cuoco.

Per questo Mattia, dopo aver scoperto che può affrontare i suoi limiti senza censurarli, dopo aver scoperto che anche lui può avere una passione, che c’è qualcuno pronto ad accoglierlo e ad insegnargli un mestiere può dire: “Per me quest’anno è volato, senza che me ne accorgessi”.

Quindi, cos’è la scuola? Ce lo spiega benissimo Marco: “Cara Emilia, sto frequentando la tua scuola perché voglio avere un futuro, essere qualcuno, anche perché fare il cameriere è quello che ho voluto sempre fare e questa scuola, la tua scuola, mi permette di realizzare questo mio sogno”.

(Mario Caponnetto)

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.