BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Consigli ai genitori per non "dimenticare" i figli in vacanza

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Il compito per antonomasia che investe l’estate dei nostri figli è l’impegno ad usare il tempo sonnolento e dilatato dell’estate per dar vita o approfondire le proprie curiosità, per seguire i propri gusti, le proprie inclinazioni. Ed è a questo punto che il compito dei genitori acquista significato. rpossono usare energie per creare e condividere occasioni di piacevole e gustoso apprendimento. Si può offrire un ventaglio di opportunità ai figli, i quali devono imparare a scegliere e - quindi - a perseguire l’impegno intrapreso con tenacia e costanza.

Allora la lettura di un libro non è solo dettata dall’assolvimento di un obbligo, ma dal piacere che un bambino - o un ragazzo - prova nelle parole scritte che fanno sognare ma anche riflettere sulla propria esperienza. Lettura libera, personale, senza l’incubo di dovere rispondere alla fine del libro a domande precostituite. La compagnia dei genitori in questo caso è fondamentale e fondativa. È un’esperienza che non ha uguali poter raccontare e commentare con un adulto che si ama ciò che un libro ha fatto conoscere e le emozioni o le domande che ha suscitato. E perché non organizzare con il proprio figlio una “gita” in una libreria fornita per scegliere insieme un libro come regalo, aggiungendo al regalo la promessa libera da obblighi di leggerlo e/o commentarlo insieme?

E il bambino che ha sensibilità e curiosità per il mondo naturale e fenomeni scientifici può ricevere la proposta di una gita naturalistica in un bosco, in una fattoria e, perché no, ad un osservatorio.

E al figlio con senso estetico non si può regalare una visita ad una galleria, ad un museo, facendogli da guida perché ci si è prima preparati? Il vero compito delle vacanze per i genitori è di condividere curiosità e stupore dei propri figli, ricostruendo essi stessi la propria conoscenza e lasciarsi modificare da un’esperienza. I figli danno molto agli adulti se osservati ed ascoltati con l’apertura della mente e del cuore.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
30/06/2011 - Vacanze tempo di libertà (Gianni MEREGHETTI)

Interessante articolo, consigli pertinenti e azzeccati. Io non ho dimestichezza con i bambini piccoli, ne ho proprio poca, ciò che mi colpisce di questa vicenda dei compiti delle vacanze è che il tempo estivo è una grande occasione, una occasione di mettere a prova la libertà. Per questo in tutto quello che suggeriremo a figli o studenti mettiamo nel conto che la questione decisiva per loro come per noi è che si muova la libertà.