BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Il linguista: chi ha ridotto gli studenti a "ragionieri" della letteratura?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine Fotolia  Immagine Fotolia

Dal provincialismo annidato nella nostra cultura. Quando il nuovo viene accolto con enfasi e senza misura, le conseguenze nella didattica possono essere gravi. Si perde lo scopo principale: insegnare ai giovani a leggere un testo approfonditamente, trasmettendo il gusto e il piacere della lettura.

Che cos’è, professore, il gusto della lettura?

Io penso sempre che la letteratura sia un fatto personale, un’esperienza «privata». La scuola può dare un quadro di riferimento, ma la passione vera è quella di una lettura fatta da individui che sono interessati a certi libri e a certi temi. Il pericolo di una lettura fatta esclusivamente in base alla critica testuale è quello di studiare solo le forme, le strutture, e di dimenticare le idee, i sentimenti che sono all’interno di un’opera letteraria e che hanno generato l’opera stessa.

Con quali conseguenze?

Se si riduce un testo ad una serie di strutture e rapporti, o uno studente smette di leggere, o - se legge - diventa una specie di ragioniere del testo, non un lettore appassionato. Queste forme devono essere sempre riportate ad un centro, che è l’individualità dell’opera, il motivo per cui l’opera è stata scritta.

Come si può favorire un approccio come quello che lei descrive?

Occorre spendere più tempo ad assaporare il testo che si ha davanti, favorendo l’incontro e lo sviluppo di un punto di vista personale; stabilire un insieme di rapporti giudiziosi tra autori, opere, campi del sapere che nella scuola, purtroppo, si trovano troppo spesso artificiosamente distinti. Si leggono Manzoni o Nievo senza stabilire nessi tra i fatti narrati e le vicende, i gusti e le tendenze del tempo e questa è una mancanza che avvilisce i ragazzi. Se poi si sommerge un giovane di nozioni, non si ottiene nulla.

C’è un dilemma che ritorna: se per favorire l’incontro personale si dà spazio alla libera scelta, non c’è il rischio di dimenticare i classici che hanno fatto la nostra storia letteraria?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >