BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ecco cosa accade quando una moto sale in cattedra

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Un momento della Ducati Summer School  Un momento della Ducati Summer School

Ciascun team ha potuto presentare la propria attività in 15 minuti, dopodiché la commissione ha avuto a disposizione 10 minuti per i commenti e le domande a ciascun gruppo. La commissione si è complimentata con ciascuno dei team per il buon livello di analisi raggiunto nel breve tempo a disposizione. Nonostante gli apprezzamenti espressi, i commenti della commissione nei confronti delle ricerche svolte sono stati severi e le domande rivolte ai team complesse ed insidiose. Tuttavia gli studenti non si sono lasciati intimorire ed hanno risposto ad ogni obiezione con lucidità ed intelligenza.

Al termine delle presentazioni e delle discussioni la commissione si è potuta riunire per deliberare i giudizi, riportati di seguito.

Gruppo 1 - Urti alla postazione dei martelli. Molto buone le domande di ricerca. Qualche incertezza terminologica. Apprezzate l’attenzione alla taratura degli strumenti e la ricerca di leggi che governano il sistema. Accurata la presentazione dei dati e buona attenzione alla teoria di riferimento.

Gruppo 2 - Urti tra carrelli su guida a basso attrito. Domanda generale affrontata da diversi punti di vista. Effettuata taratura degli strumenti con discussione degli esiti. Apprezzato utilizzo di diversi metodi. Confronto tra teoria/modello e risultati. Buona discussione dei dati. Ottima presentazione in team.

Gruppo 3 - Moto dei carrelli alla postazione Macchina di Fletcher. Molto precisa la domanda di ricerca che poi si è spostata verso l’analisi della legge di forza. Apprezzata la graduale estensione dell’analisi dal caso di due carrelli al caso di più carrelli. Buona analisi dati da approfondire nel confronto con la teoria. Interessante confronto con pendoli di Newton. Buona presentazione.

Gruppo 4 - postazione della Giostra del Momento Angolare. Domanda generale con obiettivo importante: mettere in relazione esperimento e teoria. Apprezzata coerenza dell’analisi in termini di flusso del momento della quantità di moto. Semplicità dei metodi con originale attenzione ad aspetti non ovvi. Qualità presentazione dati. Impegno nell’interpretazione con qualche incertezza nel merito. Ottima presentazione in team.

Gruppo 5 - Il volano della postazione X-Moto. Buona domanda di ricerca. Metodo di lavoro principalmente orientato allo studio degli aspetti dissipativi nel moto del volano. Qualche incertezza nell’interpretazione e presentazione dei risultati. Apprezzata analisi sperimentale. Tentativi di modellizzare il fenomeno. Risultati sperimentali.

La commissione ha proclamato vincitore del Trofeo Fisica in Moto per Miglior Team Sperimentale il gruppo che ha lavorato agli urti con i martelli composto da Arianna Cocco e Marco D’Andrea, entrambi della provincia di Vicenza, da Enrico Falsetti della provincia di Roma, Enrico Mazza della provincia di Treviso e Giorgio Valsecchi della provincia di Lucca. Visto l’elevato livello di tutti i lavori, la commissione ha anche deciso di aggiungere un premio come menzione speciale per il team che ha lavorato sui carrelli alla postazione Macchina di Fletcher.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
23/07/2011 - Astrarre (enrico maranzana)

L’esperienza descritta ha natura interdisciplinare e, come tale, deve essere collocata all’interno di un quadro teorico. J. Piaget [OCDE 1972 - L'interdisciplinarite' - problèmes d'enseignement ed de recherche dans les universités] ha riconosciuto tre livelli di intervento: quanto è stato presentato è il più visibile, ha natura multidisciplinare; può essere praticato quando le conoscenze necessarie per praticare l’attività sono state acquisite. L’area di progetto, che il ministero prevede per gli ultimi anni di alcuni itinerari, batte questa pista. La questione di fondo è: cosa deve avvenire nelle aule scolastiche negli anni precedenti? Come coordinare i diversi insegnamenti? L’interdisciplinarità, intesa sia come pratica di strumenti concettuali (il definire, il classificare, il modellare, il controllare ..), sia come promozione delle qualità dei giovani (capacità), è una risposta.