BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OCSE/ Ricci (Invalsi): dobbiamo investire di più sulla scuola primaria

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

A tutte. Spesso non viene adeguatamente sottolineato come la buona formazione parta dalla scuola primaria. Tant’è vero che i Paesi che sortiscono i risultati migliori, in termini occupazioni e di sviluppo, hanno prestato grande attenzione alla propria scuola partendo da quella di base. Del resto, un buon capitale umano matura negli istituti superiori o nelle università - questo è vero,  ma a condizione di aver ottenuto buoni risultati nei livelli precedenti.

 

In Italia, tuttavia, è noto che siamo carenti di operai specializzati…


Anche gli operai specializzati hanno bisogno di buone competenze di base. Le loro specializzazioni, infatti, nel mondo lavorativo di oggi dopo poco tempo potrebbero diventare obsolete e per riadattarsi al mercato, devono acquisirne di nuove, ma è un'operazione che richiede competenze acquisite in precedenza. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
14/09/2011 - Occorre entrare nel merito (Giorgio Israel)

Sono soltanto d'accordo con il fatto che la questione della primaria è strategica. Ma non sono d'accordo con questo approccio tecnico-comparativo. "Investire" di più in che senso? In tecnologie, in quattrini, in test? Oppure "investire" su una profonda modifica dell'approccio didattico? (E allora casserei la parola investire). Le resistenze a toccare il modello didattico delle primarie sono enormi (come ho verificato direttamente), ma è là che si annida la catastrofe. Per esempio, nell'insegnamento della matematica. Rifarsi ai modelli esteri "migliori"? Quali? Quelli suggeriti da Ocse-Pisa? Ho scritto un lungo articolo per dimostrare che il modello finlandese è un bluff enorme, soprattutto sulla base delle analisi provenienti da quel paese, che mostrano come le capacità matematiche sono state letteralmente scardinate, a profitto di un approccio che consente soltanto di avere successo nei test Ocse-Pisa. A tale analisi non è stata opposta una sola critica, non una sola obiezione di merito. Che facciamo? Ci mettiamo a insegnare la matematica come in Finlandia? Non è una cosa che la decidono i tecnici, senza entrare nel merito.