BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Israel: vi racconto il "Vietnam" che ha ucciso la riforma

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Invece ora ci troviamo di fronte a una struttura il cui centralismo accademico-burocratico fa impallidire l’autoreferenzialità delle SSIS: tutto è in mano dei comitati regionali universitari e delle unità scolastiche regionali, organismi troppo lontani dalla realtà culturale e didattica delle università e delle scuole. E il fatto curioso è che non si riesce a capire chi sia l’autore di un decreto attuativo tanto assurdo e sconcertante. Quel che è certo è che si tratta della rivincita delle corporazioni stataliste e centraliste che - tipico male di questo paese - hanno preferito una guerriglia vietnamita di tre anni, incuranti delle esigenze dei giovani laureati, pur di non perdere le loro posizioni di potere. Non a caso ora si parla addirittura di creazione di un ente analogo alla Codissis (la conferenza dei direttori delle SSIS) e c’è persino chi vaneggia di creare un ente nazionale unico per la formazione pedagogica degli insegnanti. Si tenta persino di sterilizzare le novità culturali contenute nelle tabelle delle lauree della primaria e delle medie inferiori, convocando riunioni in cui si compilano «syllabus» che i docenti sarebbero tenuti a seguire nei loro corsi. Altro che statalismo... roba sovietica...

Cosa si doveva fare per evitare il disastro che descrive?

Esprimere una volontà politica abbastanza forte da far approvare in tempi rapidissimi - sia pure accettando modifiche ragionevoli - il regolamento in versione non stravolta. Ma voglio terminare con un esempio della confusione dilagante. Giorni fa mi è stato chiesto perché mai si sono previsti nella tabella della LM95 dei crediti obbligatori di scienze naturali per i laureati triennali in matematica, e di matematica per i laureati in scienze naturali. Si lamenta che questa «rigidità» ora crei problemi a persone che in questo triennio si sono laureate al di fuori delle nuove regole. Ma la domanda è: quale gruppo di persone in stato di salute mentale potrebbe mai pensare di stilare un regolamento nella previsione che non venga applicato prima di tre anni?... E diciamo pure forse quattro o cinque, perché le circolari ministeriali che impongono (ora) termini strettissimi di attivazione di lauree e TFA non si accompagnano a nessun atto che prenda le misure necessarie per consentire tale attivazione in modo concreto. I numeri hanno ballato fino ad ora e non risulta che nessuno stia pensando a organizzare le prove di accesso.

La riforma più liberale e radicale sarebbe forse quella di gestire la questione docente improntandola all’autonomia della professione e del reclutamento. Un po’ quanto previsto dal pdl Aprea. Che ne pensa in proposito?

Vorrei essere chiaro in merito. Chi parla di approvazione del pdl Aprea nello scorcio di questa legislatura gravata da problemi gravissimi, vende favole e manifesta quel che molto probabilmente vi è dietro tutta questa strana vicenda: il desiderio di affossare del tutto la nuova normativa per la formazione iniziale, e di farlo rendendola irrilevante. Tanto varrebbe dire chiaramente: abbiamo scherzato per tre anni, buttiamo tutto alle ortiche e qualcun altro ci penserà, per l’intanto facciamo una mega sanatoria dei precari che quantomeno serve a rabbonire politicamente i sindacati, merce preziosa in questi tempi. Reclutamento diretto da parte delle scuole? Per fare una simile rivoluzione occorrerebbe valutarne tutti gli aspetti in modo serio e responsabile, e soprattutto crederci, altrimenti siamo a una vacua retorica aziendalista. Guardando a quel che è accaduto con la riforma universitaria, mi pare che in fin dei conti si finisce col muoversi in senso opposto, anche qui in piena subordinazione allo statalismo ministerial-sindacale.

Si è detto: liberalizziamo, le università assumono in piena libertà, e poi le valutiamo dai risultati.

Ma la riforma va in senso opposto, imponendo regole strette già per l’idoneità nazionale, regole pesanti che tolgono qualsiasi autonomia di valutazione alle commissioni. La neonata Anvur ha prodotto direttive per le valutazioni, improntate alla più ottusa bibliometria, non tenendo in alcun conto le osservazioni del Cun e del mondo universitario (e le critiche che ormai piovono dall’estero nei confronti di questi metodi). D’ora in poi, all’arbitrio delle commissioni si sostituirà quello di regole quantitative cieche, discutibili, e autorevolmente contestate. La valutazione diventerà roba da burocrati e passacarte, calcolatori di h-index. Poi, come se non bastasse, verrà la valutazione ex-post, anche questa con gli stessi discutibilissimi criteri. Altro che «scegliete liberamente, poi vi valuteremo». Qui trionfa la più occhiuta e opprimente burocrazia statalista, forse perché ormai è uno sport nazionale dire che l’università è la sentina di tutti i mali e quindi va commissariata in ogni suo atto. Dovremmo allora credere che la scuola sia invece totalmente esente da tutti questi mali, al punto da consegnare alla corporazione dei dirigenti scolastici la libertà totale di assumere? Andiamo... Non soltanto esistono anche qui mele marce, ma un singolo istituto scolastico è una struttura piccola e ben più indifesa di un’università.

Sta dicendo che prevarrebbero logiche familistiche e clientelari?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
07/09/2011 - Galeotti furono i titoli - III (Franco Labella)

C’entra in tutto questo lo stolido (per chi si cimentasse nell’impresa di “beccare” chi collabora) “dalli al collaborazionista” evocato da Israel o una riflessione politica sui guasti dell’attuale “visione” della scuola pubblica che ha coinvolto anche rispettabili servitori dello Stato che poi si ricredono sul loro impegno? Ed infine: visto che si rilasciano interviste pubbliche e non private confidenze, sarà possibile riflettere sui meccanismi che inducono rispettabili professori universitari (e ripeto non c'è solo Israel a dolersi) a fornire le loro competenze al giovane Ministro salvo ritrovare che i medesimi reagiscono come vergini violate alla fine dell'incarico? Nel porre queste domande c'entra la "partigianeria"? E allora, per dirla senza titoli metaforici, anche se "signore" sono partigiano.

 
07/09/2011 - Galeotti furono i titoli - II (Franco Labella)

1) Se stiamo discutendo di “formazione iniziale degli insegnanti” e non degli aspiranti tali in astratto (chè continuamo a fare riferimento all’abilitazione come se fare l’insegnante fosse, in Italia, equivalente a fare l’avvocato o l’ingegnere entrambi liberi professionisti) chi s’imbarca nell’impresa può ignorare il mercato del lavoro intellettuale per così dire? Cioè può non curarsi del piccolo particolare che si occuperà di qualcosa che ha a che fare con gli insegnanti nuovi e futuri e non con i sogni e il “cosa voglio fare da grande”? 2) Se il TFA non parte perché il giovane Ministro per aver tagliato e sforbiciato monte-ore lascia poche speranze a quelli che premono per entrare nella scuola, qual è l’interesse pubblico tutelato nell’aver messo in piedi un bel meccanismo che rischia di diventare come il Ponte sullo Stretto? 3) Lungi da me voler “frustare” e frustrare l’ansia da civil servant del prof. Israel ma sarà legittimo interrogarsi sul perché almeno tre o quattro illustri collaboratori (non faccio né nomi né allusioni ma la lista c’è, di qualcuno ho anche scritto ed in ogni caso non parlo di vicende “segrete”) del giovane Ministro hanno terminato poi il loro mandato isconoscendo la paternità di quanto fatto?

 
07/09/2011 - Galeotti furono i titoli - I (Franco Labella)

Lo confesso pubblicamente: scrivere un commento, in qualche caso e su qualche tema, è diventato di questi tempi, bui e tempestosi, complicato assai. Perché, invece di scrivere 10 righe sul contenuto dell’articolo ponendo qualche futile interrogativo, qualche volta devi barcamenarti fra il giovane geopolitico Palazzi che, ignorando la sostanza del corpo dell’articolo e dei commenti, mescola, per carità con levità, il Giap liberatore col Pol Pot dei killing fields evocando pure il Libro Nero (che c’azzecca assai evidentemente col TFA per via della neo-statalista giovane Ministra) e l’autore dell’articolo-intervista, il prof. Israel, che evoca, con gravità, addirittura l’interesse pubblico salvo poi raccontarci le beghe non degli ex-sissini (che sono gli incolpevoli frequentatori delle SSIS) ma dei loro supervisori portatori, evidentemente, di assai privati interessi tradotti sui biglietti da visita. Tralascio Mereghetti perchè, per dirla con levità ed in giuridichese, de minimis non curat praetor. E tu ti senti meschino e piccino ad avere fatto qualche domanda rimasta, ahimè, senza risposta. Ed allora visto che devi apparire piccino e meschino e pure poco dotto, le rifaccio le domandine in forma non metaforica, così evitiamo l'esegesi, ma rozza, com’è tipico del “signor” Labella.

 
06/09/2011 - Grazie (Fabio Milito Pagliara)

Come sempre il prof. Israel si produce in un analisi lucida e piena di spunti interessanti della qual cosa lo ringrazio.

 
06/09/2011 - Interesse pubblico, chi era costui? (Giorgio Israel)

Ringrazio Palazzi per aver interpretato perfettamente quanto volevo indicare con quella metafora, che non è chiara solo a chi continua a pensare nei termini di "da quale parte?", rifiutando di pensare alla vicenda Vietnam in modo libero (come fa Palazzi) e non partigiano. Vi sono stati molti ex-sissini che, pur non condividendo la soppressione delle Ssis hanno collaborato costruttivamente (e sia pur criticamente) per far partire il nuovo sistema. Altri hanno scatenato la guerriglia a oltranza, pur di continuare - ad esempio - a mettere il titolo "supervisore" sulla carta da visita, dovesse pur costare anni di interruzione della formazione degli insegnanti, in barba a qualsiasi interesse pubblico. È la solita malattia italiana: concepire la contrapposizione politica come lotta tra fazioni nemiche. Per cui, chi collabora col nemico è un nemico, e se poi critica o è un furbo o è un fesso che non ha capito fin dall'inizio. La categoria del pensare liberamente è inaccessibile al pensiero di un mondo di fazioni in guerra. Frattanto, si viene a sapere che, mentre il ministero chiude sui numeri, si moltiplicano le iniziative di società private per conferire la formazione in Spagna. Esse assicurano che nel marzo 2011 il MIUR ha definito una procedura di accreditamento per riconoscere in Italia il Master de Formacion del Profesorado. Ma il TFA non era un master… Non ci sono parole.

 
06/09/2011 - Quale Vietnam e quali liberazioni? (Sergio Palazzi)

Se posso leggerli con un po' di levitas, nei commenti precedenti la chiave mi sembra proprio il Vietnam. Israel lo usa come metafora, direi, di "guerra sotterranea, ostinata e paziente, fatta per minare con successo un avversario più potente su basi convenzionali". Labella scatta repente sulla sedia, per lui Vietnam significa "vittoriosa guerra di liberazione". Io, più giovane e di altra formazione, devo invece fare un certo sforzo per pensare che, da qualche marginale punto di vista, quella nel Vietnam sia stata "anche" una guerra di liberazione... cioè, ho sempre ammirato il generale Giap, ma a parte quello per me il Vietnam significa trent'anni di violenza di due comunismi ex-colleghi per spartirsi fette del mondo, il giusto tentativo di fermarli condotto in modo idiota, tragico e controproducente... ricadute collaterali dai Boat People ai killing fields all'attuale Myanmar, e lo sfruttamento coloniale antiliberale degli ultimi decenni su tutta l'area. Sarà che sono pettinato come Kurtz, ma penso alle strade che una intenzionale propaganda lastrica di più o meno buone intenzioni e le reali (e prevedibili) mete cui portano. Tornando a noi, dal lato di un bravo insegnante che attende una meritata assunzione, questa Saigon sindacalcorporativa e antiliberale ha anche un effetto di "liberazione". Ma siamo sicuri che lo sia da un punto di vista complessivo e non individuale? Che il campo di battaglia (la scuola) non rischi di sprofondare in una palude per generazioni?

 
06/09/2011 - Chi si straccia le vesti (Giorgio Israel)

Non è vero per niente che "tutto" il mondo della scuola resiste e rigetta da tre anni. Bensì ha resistito e rigettato, all'inizio, soltanto quel mondo della scuola che vedeva in Berlinguer e Moratti i suoi idoli, il mondo del costruttivismo pedagogico, dell'alleanza tra tecnocrazia e corporativismo e che paventava il ritorno alla scuola "tradizionale". Ora, dopo aver "sofferto e lottato" quel mondo si è preso la rivincita. Ma invece di applaudire al nuovo corso del ministero (quotidianamente lodato dal Corriere della Sera, portavoce dell'alleanza di cui sopra), continua a stracciarsi le vesti e a stare all'opposizione. C'è proprio chi non riesce a stare in altra postura…

 
06/09/2011 - Signori si nasce (Franco Labella)

Ed io lo nacqui avrebbe detto il grande Totò. Eviterò, perciò, di replicare. Tanto il lettore, direbbe La Palisse, legge. Tranne Mereghetti che, però, per compensazione, scrive molto e ovunque. Vorrei, in ogni caso, rassicurarlo: penso in grande e non era certo destinata a lui la mia allusione. Continui, perciò a scrivere tranquillo ed imperterrito. Firmato: il signor Franco Labella

 
05/09/2011 - Non c'è nessun perplesso (Gianni MEREGHETTI)

Il signor Franco Labella si sbaglia di grosso, non c'è nessuna disillusione come non c'è nessun perplesso, almeno dove lui vorrebbe trovarli! C'è una sola grande linea divisoria oggi nella scuola post-ideologica, da una parte c'è chi tenta di rimettere in piedi la scuola migliore che ci sia, quella dei progetti, delle regole, delle novità didattico-istituzionali, quella della razionalizzazione, dall'altra c'è chi guarda alla realtà e si commuove di fronte al desiderio di vita che ribolle dovunque. C'è chi procede per una immagine di scuola, c'è chi sta alla realtà. Chi coltiva o ha coltivato immagini, costui è disilluso o perplesso, e sul Sussidiario il signor Labella difficilmente troverà uomini di tale inconsistenza, chi invece sta alla realtà lotta, continua a lottare, certo che la questione seria non è nemmeno vincere queste battaglie di retroguardia, ma andare al cuore del desiderio, tenerlo vivo, farlo crescere. Anche il signor Labella prima o poi si troverà di fronte all'urgenza di una decisione. Per ora si diletta in analisi, anche interessanti, ma anche lui dovrà decidere se scegliere la sua immagine di scuola o se impegnarsi con la realtà della scuola. Spero che scelga per la realtà, per lui sarebbe una possibilità di gustarsi la vita a scuola!

 
05/09/2011 - Gelmini ha fallito. Questo il necrologio (Vincenzo Pascuzzi)

C’è chi l’aveva capito e intuito da subito. Altri hanno dovuto aspettare tre anni e mezzo: solo adesso realizzano e si stracciano le vesti. Perché prendersela con “corporazioni, sindacati e tecnocrazie ministeriali”? E’ tutto il mondo della scuola che, dal 2008, con coraggio, sofferenza e disperazione resiste e rigetta. Perché deprecare gli ammortizzatori sociali che – fino a prova contraria e se effettivamente tali – hanno una valenza positiva e non negativa?! P.S. Il Vietnam? Visto da quale parte?

 
05/09/2011 - Del senno di poi... (Franco Labella)

Si poteva mai immaginare di tenere scissi formazione e reclutamento? Si poteva immaginare di ignorare il problema politico del precariato(da Israel stesso ammesso come problema e non ignorato) rispetto alle costruzioni teoriche che hanno portato al TFA e che rischiano di diventare pura teoria priva di senso pratico? Si poteva immaginare di predisporre nuove "tegole" per il tetto a spiovente di un edificio non solo inesistente ma persino caratterizzato, hic et nunc, da "coperture" orizzontali? Se le risposte a questi tre quesiti sono positive, il meno che si possa dire, e chiedo venia in anticipo, è che il prof. Israel si è imbarcato in una impresa senza pragmatismo e con una notevole dose di ingenuità intellettuale. Del resto lui stesso arriva, oggi, a disconoscere la paternità di un lavoro che passa, ai posteri, con la denominazione della commissione da lui presieduta. E le azioni di disconoscimento della paternità non sono sempre agevoli e rapide... E' il tempo delle disillusioni, per alcuni, ma di solide conferme pr altri. Non tutti apparteniamo alla prima delle due categorie di soggetti. Ed è per questo che è anche un po' fastidioso leggere i nuovi "perplessi", nel cui novero c'è anche qualcun altro autorevole commentatore del Sussidiario, ora che la poltrona del giovane Ministro sembra periclitante nel possibile smottamento generale di questa maggioranza. Quanto al Vietnam: curioso si faccia riferimento ad una lotta di liberazione, per giunta vittoriosa. E' il 68..

 
05/09/2011 - popolazione italiana (francesco taddei)

Secondo gli ultimi dati Istat nel 2016 in Italia gli ultrasessantenni saranno 30 milioni di persone. Con un tasso di natalità basso come il nostro nelle scuole e nelle università il numero degli iscritti calerà per forza. Così dovrà calare il numero degli insegnanti. Si è cercato di salvare quei precari che non potrebbero fare altro. Si dovrebbe (e qui il governo pecca) reindirizzare quei 60mila senza prospettiva di cui parlava Israel. e strutturare un sistema di reclutamento e meritocrazia più semplice e snello per il futuro.

 
05/09/2011 - GRAZIE! (Gianni MEREGHETTI)

Sono d'accordo con lei, carissimo prof Israel, sono d'accordo con la sua analisi, sono poi d'accordo che ci vorrebbe una totale inversione di tendenza! C'è bisogno di un cambiamento radicale nella scuola, c'è bisogno e presto che al posto della zavorra che appesantisce la vita della scuola e si chiama statalismo si faccia spazio a libertà e merito. Se guardo a chi dirige la scuola anch'io sono pessimista, se invece guardo a personalità come lei e tanti altri uomini di cultura e di scuola mi sembra di poter avere una ragionevole fiducia in una possibilità di inversione di marcia. La ringrazio e continuiamo a tenere desta l'urgenza di una scuola libera, è un bene per tutti.