BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA’/ Ricotti (Politecnico): i 3 punti che "promuovono" la ricerca di Profumo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

E sul fronte delle critiche, lei non ne ha?

Ci sono senz'altro aspetti che si sarebbero potuti considerare meglio. Penso a quanti si sono lamentati a proposito del numero massimo di progetti che si possono presentare e mi sembra una critica legittima. E' un po' come dire: si premia la qualità o c'è già un limite imposto al numero?

Ci sono altri aspetti che lei ritiene di sottolineare?

C'è un aspetto che non giudico né positivamente né negativamente, ma di cui prendo atto. Una politica di questo tipo con una implementazione fatta così spinge e favorisce la realizzazione di gruppi di università che possano trovare un accordo strategico comune. Questo potrebbe in effetti favorire gruppi di università di qualità, di eccellenza, facendo nascere un circolo di università affini per interessi e strategie. E' certamente un discorso a lungo termine che non si risolve con un semplice bando ministeriale, però è una occasione che i Prin danno di favorire la discussione tra università in modo tale da trovare un interesse a collaborare operativamente su alcuni progetti di grande respiro, strategici e di livello internazionale.

Infine cosa ne pensa di chi dice che il bando ministeriale  limita la libertà individuale del ricercatore costringendo a sottoporsi all'esame di gruppi numericamente compositi?

Diciamo subito che questa possibilità in Europa non esiste. Cioè, esiste solo per i giovani ricercatori ma quando si tratta di ricercatori senior nessun progetto a livello europeo viene presentato e può avere chance in modo individuale. Addirittura i programmi europei prevedono anche la presenza dell'industria. La libera iniziativa del singolo in linea di principio è giusta, ma ritengo sia importante che in Italia si cominci a fare un salto di qualità pensando a progetti ambiziosi di grande respiro che richiedono massa critica. La libertà in questo modo non è limitata ma anzi sollecitata a trovare un interesse comune.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.