BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Caro Obama, i bambini obesi non sono detenuti in libertà vigilata

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

La mia personale convinzione è che ormai sembra scientifico solo ciò che passa attraverso il passaggio stretto della misurazione numerica, cioè solo ciò che si traduce in indicatori e numeri, mentre le vie della conoscenza umana non passano solamente attraverso misure quantitative, ma anche per esempio attraverso modelli narrativi. Allora mi chiedo se un bambino non possa essere coinvolto, in un processo educativo forte, a fare più attività all’interno di uno schema dove le misure non sono permanenti e continue. Credo quindi che questo progetto possa avere anche una sua validità, ma personalmente ritengo che si tratti di un eccesso di misurazione, in un controllo sociale esasperato che di certo non può fare bene a un bambino.
Cosa pensa però dell’emergenza obesità infantile in America?
Certamente l’emergenza esiste, ma in questo caso, come spesso accade, si cura il sintomo e non la causa. E’ importante curare i bambini che sono diventati obesi ma il problema vero, prima ancora dei bracciali, è quello di sviluppare modelli culturali che per esempio riguardino l’alimentazione, il movimento e l’attività ludica dei bambini. Combattere le cause è possibile solo attraverso un’azione di cambiamento culturale molto più radicale.

(Claudio Perlini) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.