BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Bertagna: le 6 ore in più, l'ennesimo atto senza una regia

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Se non c'è dietro un disegno pedagogico, un progetto di riqualificazione della professione e un incremento delle qualità vere e certificate diventano ore che semplicemente vengono aumentate, diminuendo le opportunità di lavoro per gli insegnanti di terza fascia; e aumentando per i giovani i problemi già gravissimi che ci sono per entrare nella scuola.

 

Manca una prospettiva, insomma.

 

Si continua a preferire una mentalità che premia i vecchi, la politica di chi c'è già e non di chi deve entrare nella scuola. Manca un'elaborazione pedagogica come era stata fatta nel 2001, riproposta nel 2004 senza l'approvazione dei sindacati e delle forze politiche, che però aveva un disegno organico, capace di parlare in termini qualitativi.

 

Per quanto riguarda invece l'autonomia scolastica e la riforma degli organi collegiali (ddl 953, ndr) approvata dalla Camera, che parere ne ha?

 

Dalle mie parti si dice: piuttosto che niente è meglio piuttosto. Anche se in maniera inadeguata, dato che la legge Aprea nel suo contenuto originale era una cosa seria, poiché la situazione attuale è talmente inaccettabile, degradata, inutile e direi depressiva dal punto di vista della qualità e della quantità, sia benvenuta questa legge. Non resta che salutare con gioia il fatto che le forze politiche abbiano trovato la forza di modificare, anche se di poco, una situazione inaccettabile.

 

Ma non è abbastanza, giusto?

 

Non serve a molto dare una aspirina a chi ha una polmonite. E non capirlo non è incoraggiante.

 

Nel suo pluriennale, lunghissimo iter, il ddl 953 è stato spolpato: cosa ne è rimasto?

 

La proposta iniziale magari si poteva non condividere in alcune parti, però aveva il coraggio di fare una scelta che era innovativa e legava l'innovazione alla qualità. Adesso sembra la manutenzione di un esistente irrespirabile e inutile, fatta per renderlo un po' più respirabile e un po' più utile e aperto a una possibilità di innovazione che speriamo sia il secondo passo di questa legge. Dunque, bene che la proposta sia stata approvata, però mi sarei aspettato nel 2012 una responsabilità progettuale molto più qualitativa e innovativa. Cose che la legge Aprea aveva.

 

Quella approvata dalla Camera, in conclusione, è vera autonomia scolastica?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >