BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Una Bottega dove i prof imparano a essere "contemporanei"

Domani e domenica, 13 e 14 ottobre, si tiene a Bologna il Convegno nazionale di Diesse. Al centro, le “Botteghe dell’insegnare”. MARCO FERRARI introduce quella di filosofia

InfoPhotoInfoPhoto

La “bottega” vuole essere un soggetto operativo che si assume la responsabilità di attuare una riflessione critica e sistematica sull'esperienza dell'insegnamento della filosofia, in primo luogo attraverso una revisione approfondita dei contenuti che passano nella scuola.

In secondo luogo, intende offrire una riconsiderazione sistematica degli autori e dei temi del programma di filosofia del '900 secondo i criteri dell'essenzialità, della testualità e della contemporaneità con l'autore. In terzo luogo si propone di sviluppare una riflessione sui criteri e sulle modalità della valutazione delle conoscenze degli alunni: valutazione che spesso risulta spiacevolmente arbitraria, come sa chi ha esperienza di commissario agli esami di Stato.

I quattro fattori su cui sarà impostato il lavoro sono dunque essenzialità, testualità, contemporaneità con l’autore e valutazione: per “essenzialità”, intendo il saper scegliere e il saper rendere ragione - a noi stessi, ai colleghi e, soprattutto, agli allievi - delle inevitabili scelte che facciamo tra gli autori e gli argomenti che spieghiamo in classe. Scrive G. Steiner ne La lezione dei maestri a proposito dell’insegnamento: “[…]Non esiste una professione di maggiore privilegio. Risvegliare in altro essere umano forze e sogni superiori alle proprie; indurre in altri l’amore per quello che amiamo; fare del proprio intimo presente il loro futuro; è una triplice avventura senza pari. […]È una soddisfazione incomparabile quella di essere il servitore, il corriere dell’essenziale […]”.

Per “testualità” intendo il fatto che la fonte e lo strumento del nostro lavoro sono inevitabilmente i testi scritti e “viventi” dei filosofi - pena il rischio di cadere in una arbitrarietà sentimentale o ideologica -, ed è perciò una prospettiva interessante quella di aiutarci a rinvenire quali sono innanzitutto per noi i testi fondamentali, essenziali e più efficaci per conoscere e far conoscere un autore (riadattando Sant'Agostino, potremmo sintetizzare così: in manibus codices, in oculis auctoritates). Per “contemporaneità con l'autore” intendo quella posizione con cui affrontiamo gli autori e gli argomenti e che possiamo tradurre come un parlare-dialogare-interrogare cuore a cuore con il filosofo o con il tema che si sta trattando, affrontandoli con tutto noi stessi, senza ridurre di una virgola l'ampiezza del nostro bisogno di senso e significato.