BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Le nuove indicazioni "salvano" gli studenti e l'autonomia

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Un curriculum allora, prima di diventare un testo programmatico, consiste nella comune riflessione sull’esperienza didattica e formativa che i docenti quotidianamente fanno nelle loro aule. A tale riflessione il dirigente dovrebbe innanzitutto dar tempo e spazio, magari liberando i suoi docenti da tante incombenze burocratiche e invitandoli a dialogare tra loro e ad attestare le loro riflessioni e scoperte. Questa è la via privilegiata anche per realizzare nella propria scuola l’interdisciplinarità, che non nasce da un forzoso abbinamento di discipline (in tal senso le nuove Indicazioni fanno un passo avanti rispetto alle precedenti, eliminando il raggruppamento delle discipline in aree), né da un programmatico adeguamento della propria disciplina al raggiungimento di traguardi comuni, bensì dall’approfondimento di contenuti e metodi di ciascuna disciplina. Lo studioso sa (e il docente è sempre in ricerca) che quando approfondisce un oggetto di conoscenza si trova a dover mendicare l’aiuto di altre discipline per sciogliere nodi, comprendere nessi, progredire nella ricerca: è qui che nasce l’interdisciplinarità tanto auspicata nel mondo della scuola e dalle nuove Indicazioni.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.