BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Anche in un istituto professionale si deve insegnare la grammatica?

Anche in un istituto professionale è necessario studiare la grammatica? Una interessante provocazione emersa durante l’ultima Convention di Diesse. DANIELA GRAFFIGNA

InfoPhotoInfoPhoto

Stiamo discutendo di come sia possibile insegnare la grammatica, cioè il modo in cui la lingua funziona, a tutti gli studenti, anche e soprattutto quelli che non studiano il latino. Una collega, in prima fila, domanda: “Ma siamo certi che anche gli studenti dell’istituto professionale abbiano diritto (cioè bisogno, interesse, parafrasa lei) a sapere quale sia il soggetto in una frase? Non è che magari hanno scelto l’istituto professionale proprio perché di certe cose a loro non importa nulla?”

Istintivamente mi ribello ad una posizione del genere: capisco che non corrisponde alla mia natura, ma non so “argomentarlo”, non so dire perché. Continuo a pensarci, e lentamente la cosa mi si chiarisce. Lo studio della grammatica mi affascina perché il linguaggio è uno strumento potentissimo, che l’uomo e solo l’uomo ha, per dire la realtà, cioè per conoscerla. Allora sapere come funziona il linguaggio significa possedere sempre di più un mezzo di conoscenza della realtà, e dunque avere una possibilità di un sempre più profondo e consapevole rapporto con essa. E poiché, come ho imparato da don Giussani, l’avventura più interessante per l’uomo è proprio la conoscenza della realtà, perché da questa avventura dovrebbero essere esclusi i ragazzi dell’istituto professionale? O almeno dalla proposta di questa avventura?

Ecco la questione: insegno – e lo insegnerei anche ai ragazzi del professionale – come individuare il soggetto in una frase perché non posso fare a meno di farlo, cioè perché ho capito che anche attraverso la conoscenza di questo pezzo di realtà cresce la consapevolezza che ho di me stessa e del mondo. E non posso non additare pure allo studente questo dato, non posso non dire anche a lui: “Guarda che cosa c’è qui!”.  

La Convention è stata un momento di forte riproposizione di questo modo di porsi nella realtà e perciò nella scuola. È vero: il sistema scolastico italiano è ormai quasi giunto al collasso, o all’implosione, che è lo stesso. Ma il fallimento della struttura non implica né coincide con il fallimento umano e professionale delle persone che in essa lavorano. Il sistema andrebbe ripensato, forse, dalle fondamenta, ma è altresì evidente che nessun sistema, per quanto perfetto, può sostituirsi alla persona, può rendere inutile o indifferente il modo in cui io svolgo il mio lavoro. 


COMMENTI
25/10/2012 - Abolire le professionali e non la grammatica (Moeller Martin)

L'intera scuola professionale andrebbe abolta. Le esigenze poste dalla complessità e dal dinamismo del mondo odierno esigono il massimo delle capacità personali e professionali. Percontro le scuole professionali italiane trasmettono una istruzione solo poco superiore a quella della licenza media con l'aggiunta di qualche nozione professionale largamente obsoleta. Diamo pessime carte ai ragazzi diplomati e al nostro sistema paese.