BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Puglisi (Pd): Difesa e software possono "finanziare" i prof

Pubblicazione:

Il segretario del Pd, Pierluigi Bersani (InfoPhoto)  Il segretario del Pd, Pierluigi Bersani (InfoPhoto)

La boutade del ministro Profumo sulla “reingegnerizzazione” dell’orario scolastico degli insegnanti ha fatto un bel po’ di danni, purtroppo. Sembra che dopo la levata di scudi di Pier Luigi Bersani e di tutto il Partito Democratico, quel provvedimento preso a sorpresa e in modo maldestro sia stato scongiurato. E siamo felici del fatto di aver trovato per la prima volta una certa sensibilità anche nelle altre forze politiche che sostengono l’attuale Governo.

Sarebbe stato l’ennesimo colpo alla scuola pubblica dopo anni di tagli, che avrebbe cancellato ben oltre i 182,9 milioni di euro richiesti dalla spending review (quasi un miliardo di euro a far proprio bene i conti), assieme a decine di migliaia di posti di lavoro.

L’orario degli insegnanti italiani è assolutamente in media con quello di altri paesi. Se togliamo le eccezioni, come i maestri diplomati spagnoli o gli insegnanti tecnico-pratici d’Oltralpe, scopriamo che differenze eclatanti non ce ne sono. Nella scuola media c’è chi lavora qualche ora in più (i danesi: 2 ore), chi lavora esattamente come gli italiani (gli spagnoli, ad esempio) e chi lavora un po’ meno (i francesi). Nella scuola superiore le 18 ore sono le stesse in Francia, in Spagna e in Italia. In Germania è vero, gli insegnanti hanno il 30% in più dell’orario, ma percepiscono uno stipendio superiore del 75%.

È vero infatti che gli insegnanti italiani ricevono il più basso stipendio d’Europa: da 4 a 10mila euro in meno. È questo il divario, rispetto alla media europea, tra lo stipendio di un insegnante italiano, a inizio e a fine carriera, rispetto ai suoi colleghi degli altri paesi dell’Unione. Inoltre le ore di lezione frontale (quelle in cattedra) sono soltanto una parte dell’attività di un docente, perché poi ci sono i compiti da correggere a casa, la preparazione delle lezioni, lo studio indispensabile per essere aggiornati, la programmazione delle attività collegiali, le riunioni coi genitori ecc. 

A fronte del contratto di 18 ore settimanali, possiamo allora dire senza esagerazioni che le ore di lavoro effettive sono circa il doppio. E che sarebbe ora che il contratto dei docenti fosse sì rivisto, ma per conteggiare in busta paga tutto quel lavoro “oscuro” - poiché fatto a casa - ma indispensabile, offrendo agli insegnanti la possibilità di farlo in scuole aperte tutto il giorno.

Perché non abbiamo mai visto vere riforme in questo Paese, senza alcun conseguente investimento.

Dopo anni di tagli e di denigrazione, nella Carta di intenti Pierluigi Bersani scrive che “nei prossimi anni se c’è un settore della spesa statale per il quale è giusto che altri ambiti rinuncino a qualcosa è quello della formazione. Dalla scuola dell’infanzia e dell’obbligo all’università”. Questo esercizio vogliamo iniziare a praticarlo a partire dalla ricerca di coperture finanziarie per i 182,9 milioni di euro richiesti al Miur, poiché l’86% del risparmio della spesa statale di questi anni è stato pagato dalla scuola. 



  PAG. SUCC. >