BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Bologna e Forlì, le due città "rosse" che uccidono (o aiutano) le paritarie

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Talvolta la realtà si diverte a sorprenderci. Mentre nella vicina Bologna procede l’iter della iperideologica consultazione referendaria per togliere i fondi alle scuole paritarie dell’infanzia, destinandoli esclusivamente alle comunali, nella “rossa” Forlì la giunta comunale di centrosinistra ha varato una nuova convenzione per le scuole dell’infanzia comunali e private paritarie che evidenzia diversi aspetti positivi e innovativi.  

Di recente il sottosegretario all’Istruzione Elena Ugolini, incontrando l’assemblea dell’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani), ha messo in guardia contro la statalizzazione delle scuole dell’infanzia comunali “perché se si sposta il centro di spesa dalla periferia a Roma non cambia la quantità della spesa, normalmente cresce”. Viceversa, ha esaltato il mix di offerta statale e comunale da un lato e convenzioni col privato dall’altro: “Questo modello ha permesso all’Italia di fare una proposta di qualità a livello mondiale e di fare in modo che quasi tutti i bambini possano avere questo tipo di proposta educativa”. 

Per capire meglio a cosa si riferiva il sottosegretario Ugolini, può essere utile l’esempio di quanto sta accadendo a Forlì, capoluogo di provincia in una regione come l’Emilia Romagna, caratterizzata da forti passioni politiche e da una vantata tradizione di eccellenza nel settore delle scuole dell’infanzia.

Il percorso, che ha visto coinvolti l’amministrazione comunale, i gestori delle scuole private paritarie e la Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì, è stato senz’altro impegnativo e non privo di pericolosi “tornanti”. Tuttavia, dopo un anno di monitoraggio e di approfondita valutazione delle problematiche, in cui le parti hanno condiviso la necessità di definire una proposta valida che potesse venire incontro alle esigenze di tutti, è stata presentata una nuova e “rivoluzionaria” convenzione di durata quadriennale (fatta salva la possibilità delle parti di avanzare osservazioni e richieste durante il  quadriennio).

Uno degli aspetti più interessanti dell’accordo è senz’altro la sinergia con la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, che ha offerto la propria disponibilità a mettere in campo, per il primo anno, risorse per complessivi 100mila euro da destinare soprattutto alle famiglie in difficoltà economiche e al sostegno dell’handicap.

Le 13 scuole private paritarie forlivesi che ne beneficeranno ospitano oltre mille bambini (su una popolazione scolastica  complessiva di circa 3mila bambini suddivisi fra scuole paritarie comunali, paritarie private e statali). Si tratta di una presenza importante e numericamente significativa; una presenza, però, che risentendo sempre più pesantemente degli effetti della crisi economica, aveva necessità di un sostegno da parte degli enti locali e dei soggetti privati del territorio a salvaguardia della libertà di scelta educativa delle famiglie.



  PAG. SUCC. >