BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Quei docenti che non cedono al fascino della "rottamazione"

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Un altro fronte di riflessione riguarda il lavoro richiesto agli attori implicati: quest’anno in alcune botteghe disciplinari ai “maestri di bottega” si sono affiancati degli esperti esterni, che hanno proposto interventi molto ricchi su nodi culturali centrali. I frutti più maturi mi pare, tuttavia, siano emersi nelle botteghe più consolidate, quelle nelle quali, sul tema dell’intervento-stimolo, i partecipanti hanno portato il loro contributo (esperienze didattiche, tentativi in atto, artefatti realizzati), sotto l’azione di coordinamento del maestro di bottega in funzione tutoriale e di ricapitolazione sintetica (per non perdersi dietro la semplice narrazione di episodi accaduti). La Bottega perdeva le connotazioni di passività ed eterodirezione ed accentuava il protagonismo di tutti i soggetti coinvolti.

Mi pare, insomma, giunto il tempo per Diesse di una riflessione epistemologica e metodologica che non imbrigli la vivacità dell’esperienza delle Botteghe dell’Insegnare, ma permetta di compierla veramente e di proporla come un contributo autenticamente pubblico, giacché solo una energia di giudizio consente di fare un vero cammino conoscitivo e di imparare stabilmente.

 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.