BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ La "battaglia del senso" insegna molto più di una favola di Esopo

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Proprio in un tempo che ha fatto della comunicazione la sua chiave di lettura non si può non domandarsi a che condizioni si realizzi una effettiva condivisione di significati nel continuo scambio di immagini e parole a cui partecipiamo. Se non si coglie questo problema, si può continuare a pensare come scrive Vespa su Panorama del 7 febbraio 2012: “È utile studiare il greco nel 2012? Con molta sofferenza e a costo di fare rivoltare nella tomba un mio vecchio, caro professore che ci intimidiva per il fatto stesso di pensare in greco (così si diceva e nessuno osava chiedergli una smentita), direi di no. Un corso sulla magnifica civiltà greca (la politica, la letteratura, le arti) è d’obbligo al liceo classico. Ma la lingua è troppo ostica per la maggior parte degli studenti perché essi possano mai assaporare davvero in originale i versi di Omero, i dialoghi di Platone, le commedie di Aristofane, le favole di Esopo”.

Il contributo civile della prova di traduzione dalle lingue classiche forse è molto più profondo e più urgente della possibilità di leggere in lingua originale una favola di Esopo.

© Riproduzione Riservata.