BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Chiosso: abolire i compiti a casa? Un grave errore, ecco perché

Pubblicazione:

Foto: Fotolia  Foto: Fotolia

Lo “sciopero” francese dei compiti a casa (per gli studenti delle scuole elementari, ndr) incontra l’interesse del ministro Francesco Profumo. La notizia ha scavalcato le Alpi con estrema facilità, e da un paio di giorni fa discutere anche in Italia. Niente compiti, protestano i genitori transalpini, per quindici giorni. E la Fcpe, la prima associazione di genitori delle scuole pubbliche francesi, ha fatto sua la protesta. Il malessere, in altri termini, è diffuso. I bambini passano molte ore a scuola, ma quando arrivano a casa, la sera, spesso devono passare altro tempo sui libri. E in famiglia aumentano lo scontento e il nervosismo. Troppo stress, insomma.

«Credo che oggi nella scuola i nostri ragazzi» ha dichiarato il ministro Profumo intervenendo a SkyTg24, commentando quello che sta accadendo in Francia «imparino solo una parte delle loro competenze. Molti input arrivano da altre sorgenti. Se quei 15 giorni di pausa fossero utilizzati per rafforzare altri canali, perché no?» Meno compiti di tipo tradizionale, sembra dire il ministro, non verrebbero per nuocere. «Si possono dare stimoli agli studenti senza che questi siano formalmente compiti». «In linea di massima Profumo ha ragione» osserva Giorgio Chiosso, pedagogista, «ma ci vuole cautela. Innanzitutto perché la Francia non è l’Italia. poi perché il momento dell’apprendimento individuale è insostituibile».

Professore, come giudica la protesta dei genitori francesi?

Là c’è una tradizione che non prevede i compiti a casa in quanto i ragazzi completano i loro esercizi in classe. C’è perfino una legge che lo dice.

Sì, è una norma del 1956. I genitori protestano. Da un lato perché i bambini, dopo aver fatto un’intera giornata a scuola, devono stare sui libri anche la sera; dall’altro, perché se occorre studiare anche a casa allora la scuola a che serve?

Ma da noi la situazione è completamente diversa, dal punto di vista normativo non c’è nulla di analogo. Occorre distinguere, perché ci sono diverse formule: quelle delle 27 e delle 30 ore, che però verrà abbandonata; poi le 24 ore, e il tempo pieno. Credo che sia eccessivo prevedere i compiti a casa per chi fa il tempo pieno, è vero; e in questo caso anche in Italia i francesi avrebbero «ragione». I bambini hanno bisogno di giocare, di svagarsi, di stare con le famiglie. Se però fanno meno ore, non vedo quale danno possano fare un po’ di compiti. Anzi.

Si può pensare di rinunciare, anche nel caso di un bambino, al tempo dedicato allo studio individuale?

Assolutamente no: è fondamentale a qualunque età. Il momento della riflessione sull’apprendimento è un’esperienza tipicamente individuale e quindi non si può eliminare. Si può stare a scuola se la giornata si prolunga dal punto di vista didattico, ma se non si impara a scuola occorre farlo a casa.

Il ministro Profumo non si è mostrato contrario alle ragioni dei genitori francesi. «Si possono dare stimoli agli studenti senza che questi siano formalmente compiti», ha detto il ministro.



  PAG. SUCC. >