BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESAME DI STATO/ Vegetti Finzi: abuso di pillole? I giovani rovinati dalle pretese degli adulti

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Una ricerca effettuata dall'Istituto di Fisiologia clinica del Cnr su un campione di 150mila studenti tra i 15 e i 19 anni rivela che il 6% di questi fa uso di psicofarmaci, in particolar modo tranquillanti, per far fronte agli impegni scolastici e allo stress da esame. Un numero non indifferente: otto ragazzi su cento fanno ricorso a pasticche, pillole e piloline, ottenute facilmente oggigiorno grazie a internet, dove si può reperire di tutto senza bisogno di ricetta medica. Ricetta medica che invece è indispensabile per l'acquisto di psicofarmaci. Non è una novità certamente che gli studenti facciano uso di stimolanti e tranquillanti per affrontare una prova come l'esame di maturità (già prima della Seconda guerra mondiale gli studenti facevano uso di tranquillanti in vista del grande esame finale), ma oggi questo uso è diventato estensivo e copre praticamente tutto l'arco scolastico. Secondo la professoressa Silvia Vegetti Finzi, docente di psicologia dinamica, contattata da IlSussidiario.net, "i ragazzi sono sottoposti ad aspettative molto grandi da parte degli adulti". Di fatto, spiega Vegetti Finzi, "viviamo nella società della competizione dove bisogna eccellere in ogni cosa, dallo sport alla scuola". La soluzione, dice, sarebbe che gli adulti, insegnanti e genitori, si consultassero e avessero fra loro un rapporto che mirasse al vero senso educativo dell'impegno dei giovani, senza esasperare la competizione, ma sostenendoli a impegnarsi con le proprie forze in modo sereno. 

 

Dilaga tra i giovani il consumo di psicofarmaci, in particolar modo tranquillanti, grazie alla facilità di poterli acquistare sulla Rete. Di chi la colpa: troppo stress imposto dalla scuola, o fuga dall'impegno da parte dei ragazzi?

 

Sicuramente questi ragazzi, spesso figli unici, sono sottoposti ad aspettative molto grandi da parte degli adulti, intendo genitori e magari anche nonni. Si aspettano da loro che debbano eccellere in tutto, dagli sport alla vita scolastica. Questo tante volte produce un peso quasi insopportabile e quindi il ricorso a  degli eccitanti per superare questo senso profondo di inadeguatezza e la tentazione che spesso ha il ragazzo di dire: non ce la faccio, e gettare la spugna.

 

Dalla ricerca risulta che sono le ragazze quelle che fanno maggiormente uso di psicofarmaci.

 

E' naturale, e questo perché le ragazze sono intanto psicologicamente più consapevoli dello stress. Magari il ragazzo lo vive, ma lo somatizza e non se ne rende conto. l e ragazze invece hanno una vita interiore più riflessiva e quindi più facilmente si possono convincere di non farcela e ricorrere a dei supporti chimici. In genere la medicalizzazione è sempre maggiormente più femminile in tutto l'arco della vita. Sono le donne a ricorrere a questo tipo di medicinali più degli uomini.

 

Questo perché succede? Un aspetto tipico della femminilità o la nostra società carica le donne di troppa fatica?

 

Tutte e due le cose, non si elidono a vicenda. Viviamo nella società della prestazione in cui a tutti è richiesto il massimo, i ragazzi che non tollerano il carico che viene loro dato possono reagire in due modi. O uscendo dalla contesa, dicendo: Non ce la faccio, magari rifiutando di andare a scuola. Oppure ricorrendo a dei farmaci che li aiutino a sostenere lo stress.

 

In che modo si può combattere questo uso di psicofarmaci nella giovane età?



  PAG. SUCC. >