BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa, un'altra falla nel sistema: i "fantasmi" dimenticati

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo (InfoPhoto)  Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo (InfoPhoto)

Dal 4 maggio è in corso presso, tutti gli atenei, la procedura di iscrizione al test preliminare per l’accesso al Tfa in tutte le classi di concorso. A ben guardare però, vi è una precisa categoria di classi di concorso, e con essa tanti giovani, che risulta essere stata per così dire “dimenticata” dal processo di attivazione dei Tfa. Ci riferiamo a tutte le classi di concorso i cui titoli di accesso sono rilasciati da istituzioni appartenenti all'Afam (Alta Formazione Artistica e Musicale), di cui fanno parte le Accademie di Belle Arti, di Arte Drammatica, di Danza, i Conservatori et similia.

A questi istituti, che ospitavano la Cobaslid, ovvero la corrispondente delle vecchie Ssis (le Scuole di specializzazione per l'insegnamento), non è stata fornita la possibilità di attivare i corsi del Tfa. Gli aspiranti insegnanti che intendono abilitarsi all’insegnamento di queste discipline dunque non avranno a disposizione l’accesso al Tfa transitorio. Una falla (l'ennesima, si veda per esempio anche la confusione segnalata in una recente lettera aperta comparsa su questo giornale) la cui ragione potrebbe essere di duplice natura: in primis questa mancata attivazione dipende dal fatto che tali istituti rilasciano titoli che non sono attualmente ancora equiparati ai titoli universitari. Per ora infatti, in attesa di apposito decreto, vige la cosiddetta "equipollenza verticale". In secondo luogo ciò certamente dipende (e non poco) anche dall’inerzia del ministero e dell’Afam nel mettere mano al problema, che è stato ormai sollevato da più parti da parecchi mesi (almeno da quando sono state comunicate a tutti gli atenei le classi di concorso per cui era possibile attivare il Tfa).

Lo spiacevole risultato è dunque che ad horam non è ancora possibile abilitarsi all’insegnamento per le materie artistiche in ogni ordine di scuola. E questo nonostante il fatto che per queste materie non era previsto alcun trattamento diverso da parte del DM 249 del 10 settembre 2010 (ossia il decreto recante il regolamento per la formazione iniziale dei docenti). Dall’Accademia di Belle Arti di Brera si paventa soltanto la partenza dei bienni abilitanti per l’insegnamento alla scuola secondaria di primo grado (le medie), i quali però è molto improbabile che riescano a partire dal prossimo anno accademico e non dovrebbero essere rivolti ai già "diplomati" e a chi già lavora nella scuola in attesa di un modo per conseguire l’abilitazione in queste discipline.



  PAG. SUCC. >