BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2012/ Esami di stato, terza prova, i consigli per istituti Tecnici e Commerciali

Pubblicazione:

foto Infophoto  foto Infophoto

MATURITA' 2012. ESAMI DI STATO, TERZA PROVA: I CONSIGLI PER ISTITUTI TECNICI E COMMERCIALI. Arriva lunedì la terza e ultima temuta prova scritta di questo esame di maturità 2012. L'obiettivo è quello di realizzare un accertamento pluridisciplinare sulla conoscenza delle materie dell'ultimo anno di corso. Nella prova le cinque materie coinvolte e le modalità di svolgimento sono scelte dalla commissione esaminatrice -composta sia da professori interni alla scuola, sia esterni - la quale seguirà le indicazioni espresse nel documento del consiglio di classe sui programmi svolti durante l'anno. Possono essere oggetto della terza prova tutte le materie svolte durante l'ultimo anno. In questo tipo di istituti vengono scelte quattro materie e per ognuna di essere vengono poste tre domande: queste ultime sono a risposa singola, dando un massimo di righe entro cui il candidato deve rispondere.

“Tendenzialmente si tratta di materie che non sono state trattate durante la seconda prova - dice a IlSussidiario.net Piera Benaglio, commissario d'esame in un Istituto Tecnico Commerciale, ragioneria per intenderci - escludiamo quindi italiano, economia aziendale e la scelta verterà, quindi, su matematica, diritto o scienza delle finanze, storia e, per gli indirizzi sperimentali, anche informatica e sicuramente la lingua straniera studiata che solitamente è l'inglese”.

Cosa si devono aspettare gli studenti dal questa terza prova? “Ora c'è poco da fare, non è possibile studiare i programmi di cinque materie: i ragazzi dovrebbero aver studiato con costanza tutto l'anno. In questo caso, il fotofinish non vale!”. Con quali criteri sono state scelte le domande? “Le domande vengono avanzate dagli insegnanti della commissione che ne propongono due versioni per materia e poi si passa ad estrarre a sorte”. Quanto peserà sulla valutazione finale? Il voto espresso è in quindicesimi, come per gli altri due scritti e si va a sommare, appunto, alle altre due prove sostenute per un massimo di 45 punti.

Come giudica questa terza prova? Quali i pregi e difetti? “La prova è strutturata a quiz e si basa sulle conoscenze acquisite dai ragazzi nell'ultimo anno scolastico, quindi si tratta di un bagaglio enormemente vasto. Ad esempio, la nostra commissione ha scelto di proporre domande molto specifiche e mirate dando solo dieci righe per ogni risposta: in pratica, si tende solo a valutare se l'alunno ha studiato, in maniera puramente nozionistica, l'argomento. Non dà la possibilità di compiere ragionamenti o collegamenti particolari. Peggio ancora se avessimo scelto le domande con risposte multiple”.



  PAG. SUCC. >