BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2012/ Esami di Stato, terza prova al liceo classico: forma e nozioni sono fondamentali

Pubblicazione:

foto Infophoto  foto Infophoto

La forma, soprattutto, per un liceo classico, è importante? “Fondamentale: proprio perché occorre dimostrare di aver acquisito un lessico specifico e una capacità di sintesi e di argomentazione ad un livello abbastanza approfondito. E' decisiva per la valutazione. Uno studente può aver studiato moltissimo ma, alla fine, risultare poco efficace”. Cosa ci si aspetta da uno studente? “Soprattutto, di trovare una persona che ha acquisito capacità critica, cioè in grado di poter dare un giudizio critico sulle materie apprese durante l'anno”.

“La terza prova non si improvvisa - dice Elisabetta Cassani, insegnante greco e latino nel Liceo classico Berchet di Milano -, è inutile studiare in questi ultimi due giorni. Dovrebbe rendere ragione del lavoro fatto durante l'anno: soprattutto perché lo studente è abituato alle varie forme di test, avendo svolto in classe parecchie simulazioni nel corso dell'anno scolastico. Spesso, poi, l'insegnante in commissione considera il lavoro svolto dal docente e quale tipo di simulazioni sono state svolte nell'arco dell'anno”. La giudica una prova nozionistica? “Non necessariamente. Ma l'essere, almeno in parte, nozionistica non è un male, poiché le nozioni sono la base per qualsiasi tipo di ragionamento”.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.