BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2012/ Esame di Stato, questa volta il tedesco ha dato "lezioni" all'italiano

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il testo di attualità dell'esame di Stato del liceo linguistico per la lingua tedesca ha offerto spunti interessanti, proponendo una delle più scottanti questioni degli ultimi tempi, i danni del terremoto del 2011 in Giappone. Rispetto agli anni passati, dove il tema proposto era più lontano dalla realtà quotidiana, la tematica è risultata quest’anno più alla portata dei ragazzi, in quanto già ampiamente discussa a scuola come in famiglia.

L’autore del testo entra subito nel vivo del problema, indicando nel cesio (elemento chimico che reagisce in maniera esplosiva a contatto con l’acqua fredda) il terrore che si è sparso “per le strade, sui tetti delle case, sugli alberi”, ovunque. E subito si passa alla sottolineatura del fatto che le particelle radioattive del cesio-137 (prodotto dal processo di fissione nei reattori delle centrali nucleari e già noto nell’esplosione di Chernobyl del 1986) si dimostrano ancora attive per il 50% anche dopo 30 anni.

La problematica era dunque chiara: i danni recati dal terremoto in Giappone e dal conseguente tsunami alle centrali di Fukushima hanno portato a un’emergenza nucleare, scatenando un dibattito a livello mondiale già avviato in passato, ma che ha ora acquisito dimensioni enormi. Le stesse affermazioni e problematiche suscitate dall’esperto Wolfang Weiss (direttore del Comitato Scientifico delle Nazioni Unite per lo studio degli effetti delle radiazioni atomiche), così come la cruda affermazione riportata da Michael Sailer dell’Istituto di Ecologia di Darmstadt con cui si fa concludere il testo (“Chi manda via i propri figli, è considerato un traditore”) offrivano al lettore ulteriori spunti di riflessione. A loro volta potevano essere considerate linee guida per far sì che gli esaminandi affrontassero con la dovuta serietà, nel rispondere ai vari quesiti, la drammaticità dell’evento e la relativa argomentazione.

Definito il tema, ciò che risulta particolarmente utile è l’approccio al testo che è stato offerto: i tre punti di analisi (Textverständnis, Textkürzung e Texterstellung) seguivano un andamento tradizionalmente crescente, in grado di accompagnare gli studenti fino all’ultimo passo, quello del giudizio personale.

Osservando le otto domande di comprensione (Textverständnis) si nota infatti che sono tutte esclusivamente di contenuto, e nello specifico permettevano di dare risposte in modo semplice seguendo il naturale andamento del testo, senza richiedere particolari approfondimenti. Ad esse fa seguito il riassunto in circa 130 parole (Textkürzung), che ha messo alla prova la capacità di sintesi e di rielaborazione linguistica del testo. L’elemento riflessivo si concentrava invece sulla terza e ultima parte, quella produttiva (Texterstellung), nella quale lo studente era chiamato a prendere posizione davanti a una particolare forma di produzione di energia, quella nucleare, con la libera redazione di un testo di circa 300 parole. 



  PAG. SUCC. >