BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa, la Lombardia verso una "soluzione" bipartisan?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Tfa, odissea infinita (Fotolia)  Tfa, odissea infinita (Fotolia)

Per le università che dovranno organizzare le prove questo aumento consistente dei possibili iscritti comporta fin d’ora non pochi problemi organizzativi, sia sul piano della logistica sia sul piano del personale da utilizzare per la sorveglianza alle prove, che sicuramente allungheranno i tempi di realizzazione della seconda e terza prova, con un possibile slittamento ai mesi di settembre/ottobre.

In questa prospettiva diventa fondamentale la collaborazione fra le università e l’Usr, che secondo Michele Faldi, Direttore Alta Formazione e Alte Scuole dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è già positivamente iniziata in Lombardia e porterà in breve tempo ad alcuni risultati. In particolare le università prepareranno dei bandi per la selezione dei “tutor coordinatori ed organizzatori” incaricati di seguire il percorso dei tirocinanti.

Anche su questo campo siamo in una situazione di stallo perché il decreto firmato il 18 novembre 2011 dalla Gelmini è restato per molto tempo “nascosto” ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale solo il 21 maggio scorso senza le necessarie indicazioni operative per gli aspiranti tutor e per le università: come si fa a fare domanda? Ma quanti sono i tutor assegnati per ogni università e per ogni classe di concorso? 

È ora fondamentale che le università – in accordo con l’Usr – inizino a preparare una bozza di bando poiché, se è vero che i tutor serviranno per l’avvio del Tfa dopo le prove selettive e quindi non prima di 6/8 mesi, è vero anche che coloro che saranno scelti dovranno essere sostituiti nelle loro classi e quindi sarebbe opportuno che ciò avvenisse prima dell’inizio del prossimo anno scolastico (per approfondire vedi il Punto della Settimana di Libednews, anno 2011/2012, n. 36 link  http://www.diesse.org/default.asp?id=447).

Alle Usr spetta anche il compito di costruire un Albo regionale delle scuole sede di tirocinio e quindi è molto utile che le scuole (statali e paritarie) si facciano presenti, indicando la propria disponibilità a svolgere questo importante servizio senza attendere che vengano fornite le indicazioni operative per i tutor dei tirocinanti presso le scuole. 

Anche la Conferenza dei Rettori delle Università, che si è riunita in questa settimana, ha preso decisioni importanti, come quella di emanare delle linee guida per lo svolgimento delle prove selettive.

All’incontro promosso da Diesse Lombardia sono intervenuti anche il responsabile scuola del Pd lombardo, Marco Campione, e del Pdl nazionale, Elena Centemero, dato che spetta alla politica non solo costruire un futuro in cui finalmente il problema del reclutamento dei docenti sia risolto, permettendo anche alle generazioni più giovani di entrare nella scuola, ma anche formulare richieste puntuali al ministro perché il percorso abilitante degli aspiranti docenti, che inizierà con la prova nazionale di luglio, non sia vano.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >